Sport / Vari

Commenta Stampa

LE SCUSE DI DIEGO ARMANDO MARADONA A DIEGO J.


LE SCUSE DI DIEGO ARMANDO MARADONA A DIEGO J.
23/11/2007, 11:11

Quando si pensa a Diego Armando Maradona la mente vaga tra i tocchi magici di palla, i passaggi filtranti, le veroniche, i goals dalla distanza e tutto il manuale del calcio che è nelle memorie di tutti noi. I problemi di droga, di peso, di alcool trovano una posizione diversa, remota, quasi in un angolo perchè Maradona è il calcio.
La vita del Pibe de Oro, però, è contornata da questioni irrisolte, da terapie iniziate e mai finite, da figli legittimi e non.
La battaglia legale tra il piccolo Diego, quello junior, che gioca nel Quarto e non trova spazio, ed il grande Maradona è ancora in piedi ma è quasi finita.
Dopo anni di polemiche, accuse e querele sono arrivate le scuse tanto attese, quelle da padre a figlio, una lettera, nero su bianco che "il mito" ha consegnato nelle mani dei suoi legali che hanno avviato la riconciliazione legale.
Il piccolo Diego è contento, non si aspettava una simile novità, non ritiene, però, che questo sia un dono, un regalo, ma il comportamento di una persona consapevole di aver sbagliato  e che comunque non fa parte della sua vita in maniera assoluta, o almeno non occupa il posto che anni fa Maradona j. si attendeva.
Non dichiara se quando ha letto la lettera si è emozionato o meno "queste cose preferisco tenerle per me", parla però della rabbia che ha provato in questi ultimi anni "più che rancore, odio, ho provato rabbia, quella che prova un figlio che in determinati momenti non ha un padre accanto a sè. Ora, però, sono cresciuto , ho capito chi è davvero nella mia vita ogni giorno. Non è stato bello quanto è accaduto, ma ora quasi non conta più".
Parole adulte, mature, di chi ha compreso quanto la vita sregolata di un genitore tanto famoso non debba intaccare la propria, quanto, però, conti l'affetto di un padre e la presenza nella crescita di un figlio. 
Per adesso Diego j. rimarrà qui, lontano, da quel padre così "grande" perchè non ci pensa proprio a prendere un aereo e volare da lui, "se vuole incontrarmi deve essere lui a venire qui".   
Due gocce d'acqua tanto simili quanto diverse..

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©