Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Leggo - "Napoli, il mercato è un rebus"


Leggo - 'Napoli, il mercato è un rebus'
31/05/2011, 10:05

Malgrado gli editti e i roboanti proclami di Casa Napoli, sorgono perplessità e preoccupazioni sul potenziamento della squadra del cuore, prossimamente impegnata su tre fronti di fuoco. Tutto sommato il mercato azzurro è finora un enigma, un rebus indecifrabile, considerando lo sviluppo degli avvenimenti: Inler è sulla strada che porta a Torino – dopo averlo erroneamente ritenuto un nuovo giocatore azzurro - mentre è sfumato l’attaccante sloveno del Groningen Tim Matavz, proprio quando sembrava scontato l’annuncio ufficiale del suo acquisto. Per Inler De Laurentiis vuole ora operare un rilancio, per evitare la beffa della Juve. Si vedrà. Ma ciò che preoccupa è la situazione complessiva di un gruppo che perderà di botto ben nove giocatori che vanno assolutamente rimpiazzati. Si tratta di Iezzo, Gianello, Cribari, Pazienza, Blasi, Vitale, Sosa, Dumitru e Lucarelli: due portieri, un difensore, tre centrocampisti e tre attaccanti. Ma ne sono in dubbio ben altri sei, tra i quali almeno due di primissima fascia. Hamsik e Lavezzi i maggiori indiziati, visto che – soprattutto per lo slovacco - c’è da tener conto della volontà dell’interessato, orientato a lasciare la società di Castel Volturno. Dipenderà dalle situazioni di mercato, ma anche dalla capacità del Milan di strapparlo al Napoli.
Una certezza sono invece i confermati per la prossima stagione: undici azzurri che rappresentano la base di partenza per il prossimo futuro di una rosa che dovrà essere ampliata ma soprattutto migliorata a livello di qualità. Vanno considerati i rientri dai prestiti e dalle comproprietà, ma si tratta di calciatori che tuttavia non garantiscono lo spessore necessario per sostenere gli impegni della squadra del cuore nel grande calcio, se non in qualche caso. Qualcosa è stato fatto, arriverà Fernadez dall’Indipendiente, mentre si tratta per il gioiellino Lamela. Un po’ poco, per ora. Forse per saperne di più sarebbe stato il caso che Mazzarri avesse illustrato i programmi futuri, come aveva promesso. Ha parlato solo di 3-4 acquisti da fare nell’ambito del fair play finanziario. Niente di più, un impegno non mantenuto.
FONTE: LEGGO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©