Sport / Calcio

Commenta Stampa

VOGLIA DI RICOMINCIARE

L'Europa non è lontana


L'Europa non è lontana
14/03/2010, 17:03

Nella giornata di campionato che ha registrato il record di gol segnati, la storia si ripete. Non vogliamo ripetere sempre le stesse cose e neanche puntare il dito contro qualcuno, ma per la seconda volta consecutiva siamo qui a parlare di un Napoli che ha perso perchè incapace di concretizzare le opportunità che ha. Che non sia il Napoli di un mese e mezzo fa è sotto gli occhi di tutti. I suoi giocatori migliori non corrono e non incidono più. La voglia di lottare e l'impegno non mancano e forse la fortuna potrebbe darci una mano, ma quello che prima si poteva definire lieve calo(soprattutto atletico) ora qualche preoccupazione la suscita. Certo bisogna prima di tutto fare i complimenti alla Fiorentina che ha fatto la sua partita, ha giocato bene, ma soprattutto è stata molto più furba e cinica degli azzurri. Prandelli ha azzeccato tutti i cambi. Il giovane Babacar ha giocato come il più esperto degli attaccanti. Ha corso, lottato, fatto salire la squadra e avviato l'azione del pareggio. I viola, ad un punto dal Napoli, rientrano così in corsa per l'Europa League. Guardando i risultati di oggi alla fine non è andata così male: sconfitta del Palermo e pareggi per Juventus e Sampdoria. Ci ha superato il Genoa e ci ha avvicinato Fiorentina, ma la zona Europa è sempre lì. Poi c'è il Cagliari, una squadra bella, ma ancora troppo discontinua.
Da adesso però non si più sperare che le altre non vincano. Bisogna svegliarsi e buttarla dentro, in qualsiasi modo. Mazzarri ha detto che non sono tutte finali, ma forse crederlo darebbe una spinta in più. 
Le prossime sono Milan e Juventus, forse non le avversarie migliori per ripartire, o forse le occasioni giuste per dimostrare qualcosa e uccidere sul nascere la paura che molti hanno, cioè che questa stagione vada come la scorsa. Nessuno lo vuole, non lo vuole la gente e sicuramente non lo vogliono giocatori e allenatore. L'obiettivo è lì, a pochi passi, basta smettere di continuare a rallentare quando si è vicini al traguardo.
L'Europa alla fine non è lontana.

Commenta Stampa
di Pensiero Azzurro
Riproduzione riservata ©