Sport / Vari

Commenta Stampa

La IIa edizione dall’1 al 4 luglio

L’Haba Waba è il “Festival Europeo” della palla in acqua


L’Haba Waba è il “Festival Europeo” della palla in acqua
23/06/2009, 10:06

Dall’1 al 4 luglio il Posillipo prenderà parte alla seconda edizione dell’Haba Waba Festival, organizzata dall’Associazione Waterpolo Development.
L’Haba Waba è il “Festival Europeo” della palla in acqua: 300 bambini, in rappresentanza di formazioni provenienti da Italia, Francia, Grecia. Montenegro, Spagna e Svizzera, giocheranno a pallanuoto e soprattutto si divertiranno nello splendido scenario del Villaggio Getur.
La manifestazione, patrocinata da Unicef, European Olimpic Comitee (Comitato Olimpico Europeo), Ministero degli Esteri, Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Fondazione Onesti, Roma 2009, Fin, Provincia di Udine, Regione Friuli Venezia Giulia e Comune di Lignano Sabbiadoro, persegue i seguenti scopi:
- Un nuovo circuito di partecipazione di squadre provenienti da tutte le nazioni.
- L'insegnamento dei valori educativi in generale e dello sport in particolare,
- La partecipazione delle famiglie al completo e degli appassionati.
- La promozione del gioco della palla in acqua e l'espansione della sua pratica.
Anche quest’anno l’Haba Waba Festival prevede due tornei, il primo riservato a bambine e bambini nati nel 1998 e 1999, il secondo per i nati negli anni 2000 e 2001. Queste le squadre partecipanti: Poble Nou Barcellona, Acilia, Arenzano, Bogliasco, Cabassi Carpi, Coccodrilli dell’Arno, Gryphus Perugia, Latina, Lavagna, Lugano, Marsiglia, Plebiscito Padova, Pallanuoto Trieste, Posillipo, Rapallo, Rari Nantes Bologna, Roma Pallanuoto, Simply Pescara, Scuola Levante, Savona, Sport Management Verona, Vicenza, Vigevano, Vouliagmeni Atene, una rappresentativa del Montenegro e una rappresentativa della Sardegna. La manifestazione si concluderà sabato 4 luglio con il Gran Gala finale (ore 20,30) che, oltre alle premiazioni, prevederà giochi e spettacoli folcloristici in onore dei piccoli partecipanti.


 

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©