Sport / Calcio

Commenta Stampa

La risposta alle parole del capo ultrà

L'Hellas Verona bandisce dallo stadio Luca Castellini fino al 2030


Luca Castellini durante una manifestazione per il Family Day. Alla sua destra si riconosce l'ex Ministro Fontana della Lega
Luca Castellini durante una manifestazione per il Family Day. Alla sua destra si riconosce l'ex Ministro Fontana della Lega
05/11/2019, 13:09

VERONA - Tutto il mondo del calcio e non solo chiedeva che da Verona arrivase una risposta forte, dopo gli insulti razzisti a Balotelli e dopo le parole dette alla radio dal capo ultrà (nonchè coordinatore regionale di Forza Nuova) Luca Castellini. E così la risposta è arrivata: Castellini non potrà entrare nello stadio fino al 2030. Lo annuncia l'Hellas Verona in un comunicato, in cui annuncia "di aver adottato nei confronti del signor Luca Castellini una misura interdittiva che, proporzionata alla gravità dei fatti, alla luce di quanto previsto dal Codice Comportamentale, essendosi trattato di un comportamento basato su considerazioni ed espressioni gravemente contrarie a quelle che contraddistinguono i principi etici ed i valori del nostro Club, prevede la sospensione di gradimento nei confronti del signor Luca Castellini da parte di Hellas Verona sino al 30 giugno 2030". 

Castellini ieri aveva detto per radio che Balotelli anche se ha la cittadinanza italiana, non può essere considerato italiano. Inoltre, nelle settimane precedenti aveva detto che inneggiare ad Hitler è solo goliardia e altre frasi del genere, inneggianti al nazismo e contro le persone di colore. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©