Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Lo spettacolo del MINI Rushour 2012 fa tappa al Misano World Circuit “Marco Simoncelli”


Lo spettacolo del MINI Rushour 2012 fa tappa al Misano World Circuit “Marco Simoncelli”
10/07/2012, 10:07

Certezza di emozioni forti arriva dal terzo appuntamento del MINI Rushour 2012, il monomarca riservato alle spettacolari Cooper S che, dal 6 all’8 luglio, saranno protagoniste di infiammati duelli nell’ambito dell’ACI-CSAI Racing Week End al Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, il celebre Autodromo romagnolo con i suoi 4.226 metri di pista molto impegnativa, intitolato al grande campione delle due ruote.

Venerdì 6 luglio, due turni di prove libere da 30 minuti, inaugureranno il fine settimana romagnolo, alle 14:20 ed alle 17:50. Sabato 7, nella mattinata alle 11:50, i 25 minuti di qualifiche per stabilire la griglia di partenza di Gara 1 che si correrà in notturna alle 21:10 sempre sui 25 minuti più un giro. La seconda gara con le prime otto posizioni di arrivo Gara 1 invertite in griglia, scatterà alle 15:10 di domenica 8 luglio. Entrambe le competizioni, sempre ricche di emozioni a raffica, saranno trasmesse in diretta su Sportitalia al canale 26 del digitale terrestre e 226 di Sky.

Il MINI Rushour 2012 arriva in Romagna con quattro vincitori diversi in altrettante gare disputate, una situazione quanto mai aperta ed almeno sei nomi tra i maggiori pretendenti al Trofeo. Guest Driver al Misano World Circuit “Marco Simoncelli” sarà la milanese Michela Cerruti, pilota di vertice sempre più protagonista del Campionato Italiano Gran Turismo, dove è reduce da una bella vittoria al Mugello proprio al volante di una BMW.

Il romano della MINI Roma by Progetto E20 Andrea Gagliardini è in testa alla classifica, forte di una vittoria a Le Castellet, un terzo ed un secondo posto, seguito dal giovane laziale di Priverno in forza al Team Dynamic Prodrive Ivan Tramontozzi che ha al suo attivo una vittoria ed un terzo posto al Mugello. A seguire, un altro combattivo capitolino, Roberto Gentili, il gentleman della Autoè by Progetto E20, è salito due volte sul podio ed autore di una pole position sempre al Mugello, poi il duo romano della Monaco Motors by Progetto E20 Gianluca Calcagni e Fulvio Ferri, vincitori di Gara 2 al Mugello, tallonati dal giovane bresciano vincitore della seconda gara a Le Castellet Andrea Nember, alfiere della Millenium World. Molti in cerca di riscatto dalla sfortuna, ma anche dall’acceso agonismo del monomarca che li ha privati di migliori e meritati successi, come il rallista umbro dell’Autoè by Progetto E20 Francesco Fanari che, dal secondo appuntamento, condivide la sua MINI Cooper S con Carlotta Fedeli, l’equipaggio altoatesino dell’Auto Ikaro formato da Alex Caramaschi e Eduino Menapace o il veneto della Bassano Corse Michele Ceccato.

Classifica MINI Rushour dopo 4 gare: 1. Gagliardini, 48; 2. Tramontozzi, 41; 3. Gentili, 40; 4. Calcagni-Ferri, 38; 5. Nember, 34.

Calendario MINI Rushour 2012: 11-13 maggio, Le Castellet (F); 8-10 giugno, Mugello (FI); 6-8 luglio, Misano (RN); 20-22 luglio, Magione (PG); 31 agosto-3 settembre Imola (BO); 14-16 settembre, Vallelunga (RM).



Il BMW Group
Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI, Husqvarna Motorcycles e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 29 stabilimenti di produzione dislocati in 14 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2011 volumi di vendita di 1,67 milioni di automobili e oltre 113.000 motociclette nel mondo. I profitti lordi per il 2011 sono stati di 7,38 miliardi di Euro, il fatturato è stato di 68,82 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2011 era di circa 100.000 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sette anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©