Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

NOI CI CREDIAMO

Lottare sino alla fine


Lottare sino alla fine
28/03/2010, 18:03

E' fatta. Doppio turno casalingo, sei punti a disposizione, sei punti presi. Meglio di così non si poteva fare. Prova di maturità e seconda finale superata. Adesso ne mancano sette. Non un granchè la seconda partita in una quattro giorni degli azzurri, ma non importa, contava solo vincere. La distanza dal quarto posto è rimasta invariata, ma intanto il Napoli aggancia la Sampdoria al quinto posto e guadagna due punti su Genoa e Bari e mantiene la Fiorentina a quattro punti. Quinto posto insieme a Sampdoria e Juventus, squadre nei cui confronti gli azzurri sono in vantaggio negli scontri diretti.
Sarà forse la stanchezza, ma nel primo tempo il Napoli non riesce a combinare molto, anzi dopo neanche due minuti è il Catania che colpisce una traversa ed è poi bravo a controllare gli azzurri coprendo tutti gli spazi.
Le tre punte messe in campo da Mihajlovic macinano chilometri sulle fasce impedendo da una parte a Maggio di attaccare e dall'altra mettendo in continua difficoltà Zuniga non ancora a suo agio a sinistra. In avanti Lavezzi combina poco o nulla, Quagliarella corre e lotta ma è troppo solo. 
Nel secondo tempo cambia tutto. Il Napoli ha la fortuna(o bravura) di trovare il gol del vantaggio dopo pochi minuti. Cannavaro, il migliore in campo insieme al solito Campagnaro, da pochi passi infila di destro l'incolpevole Andujar. In quel momento le tre punte del Catania si trasformano da arma micidiale in peso da sostenere. I siciliani si gettano in avanti alla ricerca del pareggio(ma Grava, Cannavaro e Campagnaro bloccano tutti e tutto) lasciando grandi spazi agli attaccanti napoletani. Gargano corre come al solito per tre. Pazienza chiude tutti gli spazi. Il Napoli della ripresa finalmente gioca. La stanchezza del primo tempo sembra un ricordo.Gli azzurri si buttano avanti ma sbagliano troppo, tra tiri fuori, parate del portiere e palle calciate in faccia all'estremo difensore argentino del Catania. L'intensità del Napoli mette i siciliani alle corde. Quagliarella è finalmente quello che tutti i tifosi vorrebbero vedere, Paolo Cannavaro sembra il fratello maggiore dei tempi migliori e potrebbe fare tre gol, Campagnaro difende e attacca in maniera straordinaria.
Senza brillare alla fine il Napoli riesce a portare a casa  altri tre punti d'oro in vista della difficile trasferta di Roma con Lazio dell'ex Reja. La lotta è aperta. Nessuna delle squadre che mira al quarto posto sembra avere il passo e la continuità per staccare definitivamente le altre. Bisogna restare lì senza mai mollare. La fiducia è tanta, provarci non costa nulla. L'obiettivo resta alla portata, che si chiami Champions o Europa League. Come dicevano i tifosi, NOI CI CREDIAMO.    

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©