Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL PRESIDENTE

"Lottiamo con il Milan, Inler mi piace ma è caro"


'Lottiamo con il Milan, Inler mi piace ma è caro'
14/04/2011, 13:04

Campionato, filosofia calcistica, mercato e fair play finanziario. Parla di tutto il presidente Aurelio De Laurentiis a radio marte, parla di tutto ed elogia soprattutto il pubblico napoletano.
"A Bologna mi sono molto divertito, metà stadio era napoletano, abbiamo i migliori tifosi al mondo. In vista della partita con l'Udinese lo stadio è già esaurito. Arriveremo ad un milione di spettatori, numero che si incrementa se si considerano anche gli spettatori di coppa Italia ed Europa League."
La squadra e la società continuano a crescere.
"La filosofia di questa squadra è la filosofia del Barcellona. Uno come Messi, un campione assoluto, è arrivato lì da ragazzino ed è cresciuto piano piano. Mi piacerebbe creare qualcosa del genere, far giocare e far crescere ragazzi giovani, potenziali campioni. In Italia se non hai quasi 30 anni ti considerano immaturo. Se hai carattere sei sempre pronto a giocare. Mi piacerebbe portare a Napoli questa filosofia. Stiamo accellerando per la cittadella dello sport. Vogliamo fare le cose per bene, soprattutto la crescita del vivaio."
Molti dicono che il merito della crescita del Napoli è di Mazzarri.
"Mazzarri è un uomo estremamente serio, un professionista, uno all'antica e di grandissimi valori umani e sportivi."
Tanti parlano di Inler al Napoli ed elogiano Yebda.
"Yebda è un uomo solido, non lo conosco benissimo ma mi da l'impressione di essere uno su cui si può contare. Come ho sempre detto è bastato dargli il tempo di capire il calcio italiano e quello di Mazzarri per vedere il suo valore. Inler è un campione incredibile che io vorrei subito al Napoli. Il problema è che per me non vale più di 9-10 milioni di euro, visto anche che deve compiere 28 anni, mentre Pozzo parte da almeno 15 milioni. Avesse 23 anni lo avrei già preso."
Proprio Pozzo ha detto che gli azzurri vinceranno lo scudetto.
"Lo ringrazio e faccio i dovuti scongiuri. Non penso già alla fine del campionato, come dice sempre Mazzarri penso sempre ad una partita alla volta sperando e facendo di tutto per vincerla. Napoli ed Udinese sono due belle squadre, merito anche di due presidenti che sanno programmare e che puntano su giovani di grande qualità."
Napoli - Udinese sarà la sfida tra i due bomber Cavani - Di Natale.
"Di Natale sono certo che farà bene per almeno altri due - tre anni. Nonostante l'età è sempre forte. In Italia si pensa che se si valorizzano i giovani quelli che hanno oltre 30 anni perdono di valore, falso. Guardate Di Natale, Seedorf, oggi si può giocare quasi sino a 40 anni. Cavani ha ancora grossi margini di crescita. Finchè rimarrà a Napoli e lo allenerà Mazzarri sono certo che crescerà sempre di più. Con Cavani abbiamo un grande vantaggio: è un ragazzo serio, uno che lavora e che da sempre il massimo, che non ama perdere tempo, pensa alla famiglia e alle cose serie. Adesso dobbiamo solo battezzarlo e farlo diventare napoletano a tutti gli effetti."
Si parla di un Napoli pronto a puntare sul mercato asiatico, tanti i nomi di giocatori giapponesi e coreani accostati alla maglia azzurra.
"Quello asiatico è un mercato in evoluzione. Non voglio però parlare di mercato, voglio solo dire che vista la presenza di giocatori provenienti da tutto il mondo in praticamente tutte le squadre, bisognerebbe trovare un modo di strutturare i calendari in modo tale che i giocatori costretti a voli dall'altra parte del mondo per giocare qualche partita non subiscano infortunii rovinando così i progetti del giocatore e della società."
Tanti i gioielli del Napoli invidiati dai club di tutto il mondo.
"Io leggo sempre di interessamenti, ma nessuno è mai venuto da me a chiedermi un giocatore. Avrei risposto di no, ma nessuno mi ha mai fatto una proposta. Sono i procuratori, che si fanno sempre pagare in anticipo le operazioni di mercato che riguardano i proprio giocatori, che parlano per far crescere le transazioni e gli stipendi. Quelle che si leggono sono tutte balle."
Berlusconi ha detto che i club italiani sono inferiori a quelli stranieri perchè costretti a pagare tasse troppo alte.
"Club come quelli tedeschi e quelli inglesi hanno investito negli stadi di proprietà, stadi da cui ottengono grandi introiti. A mio parere il problema è che la Federazione vuole imporre una certa politica finanziaria, cosa che invece dovrebbero scegliere le società. Loro vogliono imporre il fair paly finanziario perchè non hanno idea di come aumentare i guadagni che si ottengono con Champions ed Europa League."
Berlusconi ha detto che se vince lo scudetto proverà a comprare Cristiano Ronaldo.
"Prima deve riuscire a vincere il campionato, ma smettiamo di parlarne, porta sfortuna."

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©