Sport / Calcio

Commenta Stampa

Maldini: ieri le critiche, oggi niente conferenza stampa


Maldini: ieri le critiche, oggi niente conferenza stampa
25/05/2009, 13:05

Doveva essere un addio felice, quello di Paolo Maldini, dopo l'intera carriera disputata nel Milan, dai suoi esordi nella squadra di Arrigo Sacchi ad oggi. Ma il suo atteggiamento nei confronti del tifo organizzato - molto spocchioso e litigioso - ha lasciato degli strascichi nel corso degli anni; strascichi che sono esplosi ieri. E così, durante la partita, non sono stati pochi i fischi indirizzati al capitano del Milan dalla curva Sud del Meazza, così come le contestazioni partite all'indirizzo del Presidente Silvio Berlusconi. E alla fine, mentre Maldini faceva il giro d'onore, è apparsa una maglietta in curva Sud: quella col numero 6 di Franco Baresi, altro mito recente del Milan. Successivamente, durante la trasmissione Mediaset "Controcampo", uno dei capi-tifoseria ha detto che è stato fatto perchè Baresi è stato una bandiera del Milan, ma non Maldini. Questi episodi, insieme ai tanti vuoti sugli spalti che si sono creati negli ultimi minuti, hanno innervosito molto il giocatore, che ha spintonato via Leonardo che lo invitava a non dare peso a queste cose. E questo è un brutto indizio, per il futuro del Milan, se si considera che il brasiliano viene accreditato da alcuni del ruolo di futuro allenatore, al posto di Ancelotti. Ma se non ha il polso della squadra, non so cosa possa fare.
A causa di questa situazione - che comunque ha origini lontane nel tempo, non nasce ieri - è stato deciso di rinviare la conferenza stampa di addio per il difensore rossonero, a lunedì prossimo, dopo l'ultima partita che sancirà se il Milan entrerà in Champions League dalla porta di ingresso principale o dai preliminari

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©