Sport / Vari

Commenta Stampa

MANCA POCO AL RALLY DI SARDEGNA


MANCA POCO AL RALLY DI SARDEGNA
05/08/2008, 10:08

Si disputerà a settembre il 22° Rally di Sardegna, che per questa edizione si correrà con la formula Baja e sarà valido come prova del Campionato Europeo e Italiano della specialità. Diversa dunque la formula per tre giorni di gara dal 12 al 14 settembre, ma con  sempre lungo bellissimi percorsi e paesaggi nell’ormai mitica Ogliastra, teatro di tante edizioni del Rally che nell’albo d’oro ha i nomi più famosi del rallysmo italiano e mondiale: da Marc Coma, campione del mondo e vincitore della Dakar, a Massimo Chiesa, da Gianluca Tassi a Fabio Fasola, da Matteo Graziani a Federico Mancinelli, campioni italiani a Nani Roma, trionfatore nei deserti africani.

Sarà una maratona di quasi seicento chilometri per metà veloce e per metà più tecnica e meno veloce, con molti tornanti in salita ed in discesa, adatto a tutti i rallysti. Percorsi studiati e tracciati dall’esperto Corrado Deiana, da anni ormai scopritore degli i eccezionali itinerari del Rally e prezioso collaboratore del Moto Club Sardegna, che assicura tre giorni di gara entusiasmante organizzata con la collaborazione del Moto Club San Giorgio di Perdasdefogu e del poligono militare interforze, da dove 40 or sono partì per lo spazio il primo razzo italiano. Una collaborazione molto importante quella del Poligono militare che già in passato ha fornito al Rally di Sardegna paesaggi e piste di gara eccezionali. Molto contenuti i costi di iscrizione a questa gara (400 euro) con una novità per i piloti sardi che potranno partecipare nella sola giornata di domenica al Trofeo Sardegna Quad con una quota di soli 100 euro.
Con il Moto Club Sardegna, che ha portato il rally al Campionato mondiale, collaboreranno anche tutti i club e le associazioni, che negli anni hanno concorso al successo del Rally: il Moto Club Carbonia, il Moto Club Dorgali, il Moto Club Fluminimaggiore, il Moto Club San Giorgio di Perdasdefogu, il Moto Club Gonnesa, il Moto Club Iglesias, il Moto Club Il Centauro di Quartu Sant’Elena, il Motorbike di Iglesias, il 4 X 4 Sulcis Club Iglesias, il Overdrive Team 4WD di Savona, il Soccorso Iglesias, la Croce Blu di Sassari e l’Associazione Cronometristi Sardegna. Insomma ancora una volta l’equipe di appassionati che ha reso famoso il Rally di Sardegna, che in questa 22^ edizione si ripropone con la formula Baja aperta anche ai quad sui percorsi tracciati nel territroio di Perrdasdefogu con partenza dalla centrale piazza Europa. 
Preziosa la collaborazione della Federazione Motociclistica Italiana e della Pagusmedia promoter del campionato italiano ed europeo Baja (www.bajas.it). La gara avrà una copertura Tv grazie alla diffusione delle immagini da parte della Federazione Motociclistica Italiana,  che diffonderà una sintesi della gara sul circuito della FMI Hard Trek (tv regionali di tutta Italia in chiaro),  Sport Italia e Moto TV. Inoltre come di consueto il Rally avrà larga diffusione nelle emittenti regionali della Sardegna che trasmettono anche via satellite in tutta Europa.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©