Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Manuel Russo, un napoletano "mondiale"


Manuel Russo, un napoletano 'mondiale'
16/09/2009, 16:09

Il mondiale Supersport ha un volto nuovo, quello di Manuel Russo. Il napoletano sarà wild card nel prossimo appuntamento d’Imola, grazie alla disponibilità del team Holiday Gym Racing, che gli darà la possibilità di guidare una Yamaha R6. La notizia giunge in un momento felice per Manu 99, che occupa attualmente la quinta posizione nel Civ Stock 1000: “Finalmente! – dice con entusiasmo – poter un giorno confrontarmi con i migliori del mondo è sempre stato il mio sogno nel cassetto, e ringrazio i ragazzi dell’Holiday Gym Racing che, anche se per una sola prova, mi daranno la possibilità di farlo”. La carriera agonistica di Russo inizia nel 2005, quando chiude settimo nella classe 600 Stk della Coppa Italia: “Quell’anno – racconta – ero nel team Gattonero, e nonostante l’inesperienza, raccolsi un risultato discreto. L’anno successivo gareggio nella stessa categoria, ma sotto i colori del team M2 Racing, ed arrivano le prime soddisfazioni. Chiudo il campionato terzo, con cinque podi all’attivo. Nel biennio che va dal 2007 al 2008 sono impegnato nelle classi Ss 600 e Stk 1000 del Civ, ed ottengo buoni risultati. Quest’anno tento la scalata al titolo del Civ Stk 1000, in sella ad una Suzuki gestita dal team Celani. Dopo due gare, però, il sodalizio s’interrompe, ed approdo al team Supersonic Racing. Il passaggio mi permette di tornare a guidare la Honda Cbr, moto che conosco bene, e che mi ha regalato tante soddisfazioni. Il gap con le Ducati è notevole, ma tra le quattro cilindri è la moto più equilibrata ed affidabile. La maneggevolezza è ottima, ed il motore è dotato di una buona potenza ai medi regimi. Per renderla perfetta bisognerebbe solo migliorarla nell’allungo”. Il finale di stagione è per Russo a dir poco adrenalinico: “Non sto più nella tuta – dice con un sorriso – nel Civ spero di chiudere nei primi tre, anche se sarà difficile riuscirci. Affronterò l’impegno d’Imola con i piedi per terra, senza lasciarmi prendere dalla foga del risultato. A quei livelli basta davvero poco per gettare all’aria l’intero fine settimana. Arrivare al traguardo senza intoppi sarà già tanto”. In bocca al lupo!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©