Sport / Calcio

Commenta Stampa

Il Pibe raggiunto da un avviso di garanzia della Procura

Maradona: "Non ho offeso Diego jr e sua madre"

In una nota-videomessaggio l'argentino chiarisce le accuse

Diego risponde alle accuse di Diego Jr e di sua madre
Diego risponde alle accuse di Diego Jr e di sua madre
14/11/2013, 10:57

NAPOLI -  Diego Armando Maradona torna a parlare. Stavolta in gioco c'è la sua "famiglia". In un comunicato affidato al suo legale italiano Angelo Pisani il Pibe ha affermato: "Non ho mai offeso nessuno, nè il giovane Diego nè la signora Sinagra". La nota è stata accompagnata da un videmessaggio ed è stata diffusa in quanto l'ex campione argentino è stato raggiunto da un avviso di garanzia della procura di Napoli che lo accusa di avere diffamato Diego Armando junior e la madre del ragazzo, Cristiana Sinagra. Diego continua: "Purtroppo molte televisioni e giornali continuano a strumentalizzare la mia vita senza rispetto di nessuno perchè il nome di Maradona fa sempre notizia, senza considerare però che a volte tante chiacchiere possono anche far male ad altri ed alla sfera personale. Sull'accusa che mi viene rivolta dalla Procura di Napoli -si legge nel comunicato stampa - secondo cui avrei offeso la sig.ra Sinagra e il giovane Diego che mi hanno denunciato, io voglio personalmente chiarire che non ho mai parlato di questa storia, che non ho mai incaricato nessun avvocato di diffondere qualsivoglia notizia riguardante la mia vita privata nè ho mai neanche pensato di offendere nessuno, tanto è vero che anche dagli atti di indagine del tribunale non esiste nessun testo scritto, nè a mia firma, nè di mio pugno che provi un mio coinvolgimento diretto nella vicenda in questione". La nota continua, e l'argentino prova a far capire la sua totale estraneità alle accuse rivoltegli: "Non so chi abbia inteso diffondere tali assurde dichiarazioni a mio nome e non lo trovo giusto (...). Spero che il ragazzo prosegua serenamente la sua vita e carriera sportiva e che non venga più strumentalizzato per colpe non sue", conclude l'ex n.10. Poi, nel videomessaggio, aggiunge: "Io non ho mai detto niente, è un fatto chiuso. E' da 25 anni che sono perseguitato da questa faccenda, ma io non ho parlato e non ho offeso nessuno. Voglio solo stare in pace con tutti i miei. Sono a Dubai a lavorare, non rispondo a nessuna domanda su questo e non ho nessuna intenzione di offendere nessuno. Sono tranquillo e spero che i giudici sappiano valutare questo perchè io non ho parlato. Se parlano gli altri io non sono responsabile di quello che si dice, si dicono tante cose di me che non escono mai dalla mia bocca".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©