Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Marcello Iannaccone, il dominatore del Trofeo Sud-Italia Quad


Marcello Iannaccone, il dominatore del Trofeo Sud-Italia Quad
29/04/2009, 11:04

Il Trofeo Sud-Italia Quad dopo appena due gare e quattro manche, ha già il suo dominatore: Marcello Iannaccone su Suzuki Ltr 450. Il rider di Monteforte Irpino (Av) dopo la trasferta di Foggia sul circuito Santa Cecilia, torna a casa con un poker di vittorie che gli permettono di guardare gli avversari dall’alto, e ribadire che il titolo di campione in carica che ha cucito sulla tuta non è lì per caso: “Ho impresso – analizza la gara il pilota del team Moto Ok - un buon ritmo sin dalle prime prove. Il tracciato pugliese mi piace, ed anche se pioveva, mi sono divertito. L’asfalto viscido rendeva difficoltoso il controllo del Quad in uscita di curva, quando dovevo spalancare il gas. Nello stesso tempo, però, la guida di traverso mi esalta, e così ho colto indisturbato la seconda doppietta stagionale. Ltr Suzuki è un mezzo fantastico, e ringrazio i ragazzi del team, bravi nel cucirmelo addosso”. Quest’anno gli impegni in calendario per gli specialisti degli Atv sono tanti, e Iannaccone non vuole perdere nessun appuntamento: “L’obiettivo principale – dice l’avellinese - è riconfermarmi campione nel Trofeo Sud-Italia, e fare bella figura in quello italiano. Il livello degli avversari delle zone nord e centro è più alto rispetto a quello della zona sud, perché hanno alle spalle maggiore esperienza, grazie alla possibilità di poter contare su più piste dove provare. In Campania, e nelle regioni limitrofe, solo negli ultimi tempi sta prendendo piede l’idea sportiva del Quad. Questo ha fatto sì che l’entusiasmo attorno a questa disciplina crescesse d’anno in anno, ma dobbiamo fare ancora molto per colmare il gap”. Il prossimo appuntamento agonistico per Iannaccone e soci è il 24 maggio sul circuito di Sarno: “Sarà – spiega – una gara speciale, perché ci confronteremo in occasione del Fashion Motor Event, vetrina importante dove è prevista la presenza di migliaia d’appassionati. Non vedo l’ora di scendere in pista e come recita il proverbio, non c’è due senza tre!”

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©

Correlati

30/04/2009, 08:04

Lavezzi, 20 giorni di stop