Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA LO JUVENTINO

Marchisio: "Siamo primi e primi vogliamo rimanere"


Marchisio: 'Siamo primi e primi vogliamo rimanere'
03/11/2011, 13:11

«Siamo in testa alla classifica e lì vogliamo rimanere». Idee chiare per Claudio Marchisio che non avverte vertigini da alta classifica e, anzi, vuole restare in vetta alla Serie A il più a lungo possibile. «Scudetto è una bella parola, ma tale deve rimanere - spiega Marchisio sul sito ufficiale della Juventus -. Il campionato è lungo. Ora c’è la sfida contro il Napoli che, al di là della partita di Champions che hanno affrontato, è molto difficile e poi, dopo la sosta, avremo Palermo e Lazio. Il calendario quindi è complicato e noi dobbiamo solo pensare a rimanere al primo posto. C’è un po’ di rammarico perché abbiamo lasciato qualche punto per strada che ci avrebbe invece permesso di avere un distacco ancora maggiore, ma siamo comunque soddisfatti per come abbiamo iniziato la stagione. Nel pre-campionato abbiamo alternato alcune buone prestazioni ad altre meno brillanti, come al “Berlusconi” e per qualcuno non eravamo pronti. Invece abbiamo dimostrato il contrario e contro le grandi finora non abbiamo mai sbagliato».
LA PREPARAZIONE - Tra i segreti di questa Juve da primato, c'è la preparazione atletica: «C’è uno staff completamente nuovo, abbiamo svolto un lavoro diverso che evidentemente paga e poi, giocando solo una volta a settimana, c’è la possibilità di recuperare da quei piccoli infortuni che ti costringono a rallentare per quattro o cinque giorni, cosa impossibile se si giocano le coppe».
BOMBER - Sono già quattro i gol messi a segno da Marchisio, che vuole continuare a dare il suo contributo alla causa bianconera: «Beh, gli anni passano, si fa esperienza e si matura. C’è in tutti, me compreso, grande rabbia per i risultati deludenti del recente passato e vogliamo riportare la Juve dove merita di stare. Siamo un gruppo unito, che vincendo acquisisce sempre maggior convinzione nei propri mezzi. Una convinzione che ci aiuta a crescere».
FONTE: CORRIEREDELLOSPORT.IT
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©