Sport / Vari

Commenta Stampa

MARINO: CHE EMOZIONE LA MIA AVVENTURA EUROPEA


MARINO: CHE EMOZIONE LA MIA AVVENTURA EUROPEA
18/09/2008, 11:09

"Bentornato Napoli". Come un abile ed incisivo paroliere Pierpaolo Marino conia lo slogan per la sfida di domani. Napoli-Benfica rappresenta l'ingresso a caratteri cubitali del nuovo Napoli nell'Europa dei grandi e contestualmente una sfida che evoca fascino, storia e suggestione. Per il Direttore Generale è un motivo di orgoglio a prescindere dall'esito finale.

Un match che rappresenta più punto di partenza o un traguardo?

"Questa partita io non la considero nè una stazione di inizio, nè un obiettivo raggiunto. Per me è semplicemente un giorno di festa che dà il bentornato al Napoli al proscenio sul quale merita di stare. E' un rientro in grande stile in quell'Europa che manca da tanti anni. Sarà bellissimo vedere allo stadio le nuove generazioni, quelle che magari hanno vissuto solo attraverso il racconto dei genitori le splendide gesta del grande Napoli che vinse la Coppa Uefa quasi venti anni fa. Questa è una squadra ed un Società che sono ripartite da zero. Abbiamo avuto coraggio ed energia per attuare una politica di ricostruzione avvenuta grazie agli investimenti e la fiducia del Presidente De Laurentiis. Forse ancor oggi non ci rendiamo bene conto di cosa sia successo al Napoli in soli due anni. Abbiamo trasformato, tutti insieme, le cose difficili in semplici. Apparentemente semplici. Ma sappiamo tutti cosa abbiamo dovuto attraversare per arrivare a questo punto. Perciò domani dobbiamo affacciarci a questo match come fosse una festa di bentornato. E sono altresì felice che di fronte ci sia il Benfica, un club che per storia, valore tecnico, tradizione e passionalità è molto simile al Napoli. Per me questa è una sfida che potrebbe appartenere a buon diritto al palcoscenico della Champions League".

Che emozioni proverà personalmente?

"Tante. Quando lasciai Udine alle soglie della Champions League mi ero riproposto di rientrare al più presto in Europa. E farlo con il Napoli mi dà una gioia immensa, perché questa città è nel mio cuore e condivido attimo per attimo i palpiti di questa tifoseria unica ed impareggiabile. Ed a tutti posso garantire che la squadra sta crescendo e che ci sentiamo pronti e preparati ad affrontare l'esame Benfica".

Infine il Direttore Generale lancia un appello proprio ai tifosi azzurri.

"So che domani saranno tantissimi. Il San Paolo sarà stracolmo e per questo chiedo ai napoletani di non portare allo  stadio materiale pirotecnico. In campo europeo fumogeni, bengala, petardi e qualsiasi tipo di fuochi artificiali è severamente punito anche se fatto esplodere sugli spalti. Mi appello, quindi, ai nostri splendidi tifosi affinché domani siano vicini alla squadra con il loro calore ma senza recare con sè alcun materiale pirotecnico, altrimenti corriamo seriamente il rischio di incorrere in sanzioni che provocherebbero ulteriori danni a noi ed ai nostri stessi sostenitori

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©