Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Le parole del dg dell'Atalanta

Marino: «Juve favorita, Roma e Napoli incalzano»


Pierpaolo Marino
Pierpaolo Marino
08/10/2013, 10:28

ROMA - «Equilibrio e spettacolo in vetta. E' questa la sintesi di ciò che il campionato sta producendo in vetta. Squadre che propongono ma che non dimenticano l'equilibrio che una squadra deve avere. Non discuto sul fatto che sia la Juventus la favorita nella corsa al titolo, però è evidente che chi le contende la leadership fa spettacolo, gioca bene, segno che si è alzato sia il livello tecnico, con l'arrivo di tanti campioni, e con la bravura degli allenatori. Occhio anche all'Inter, non solo a Roma e Napoli. Quella nerazzurra e' una squadra solida». Sono le parole di Pierpaolo Marino, Direttore generale dell'Atalanta, a Tele Radio Stereo, sull'avvio del campionato e sulla lotta al titolo. Il dg nerazzurro parla poi di una delle rivelazioni della Roma, l'ivoriano Gervinho. «Conoscevo già Gervinho, prima dell'Arsenal e chi come me ha seguito il suo biennio a Londra, notava due stagioni fa come fosse lui uno dei segreti di Van Persie, favorendo l'olandese nelle giocate e nei movimenti offensivi. Un giocatore come lui in Italia mancava da quando è partito Lavezzi, che si può a questo punto definire il Gervinho del Napoli. Dà profondità, si lancia negli spazi, ha caratteristiche che in pochi possono vantare. Grande intuizione di Rudi Garcia -dice Marino-. Facile fare i profeti col senno del poi. Io ho sempre scelto allenatori italiani e non dico ora che ero convinto che l'allenatore della Roma avrebbe fatto così bene, riconosco semplicemente il merito della società che lo ha scelto e riconosco il lavoro di un tecnico che si sta distinguendo tra le altre cose anche per come si e' calato in una realtà diversa». Grande apprezzamento anche per il portiere dei giallorossi. «Parlare con me di De Sanctis è come parlare di un familiare. L'ho fatto esordire in B quando aveva diciassette anni, l'ho voluto a Udine e poi l'ho portato a Napoli. È un leader naturale, fa spogliatoio, ha personalità, e in campo è di una regolarità mostruosa». Positivo l'avvio di stagione per l'Atalanta. «Abbiamo vinto un match delicato, fondamentale. A Verona mai l'Atalanta aveva vinto, neanche in Serie B. Merito dell'allenatore, Colantuono, e dei calciatori che manda in campo».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©