Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARAGONE ILLUSTRE

Mascara come Troisi: "Scusate il ritardo"


Mascara come Troisi: 'Scusate il ritardo'
11/04/2011, 18:04

“Scusate il ritardo”, una frase celebre, divenuta un cult grazie all’omonimo film diretto ed interpretato nel 1983 da Massimo Troisi, icona della napoletanità e “fuoriclasse” della storia del cinema. Un film chiamato così dal regista (e attore) per “scusarsi” del troppo tempo trascorso dall’uscita nelle sale della sua precedente opera, “Ricomincio da tre”, girato nel 1981.
Frase che, inconsapevolmente rispetto al significato che può aver assunto nel tempo, Giuseppe Mascara, attaccante del Napoli, ha pronunciato ieri alla fine della partita con il Bologna.
Giuseppe Mascara come Massimo Troisi, si diceva. E lo è stato, almeno per un giorno.
Il fantasista siciliano, al “Dall’Ara”, è tornato ad essere decisivo, realizzando il suo primo gol in maglia azzurra e mettendo fine ad un periodo non certo esaltante dal punto di vista strettamente personale.
Nel Napoli, infatti, non era ancora riuscito ad incidere, eccezion fatta per l’assist servito, soltanto una settimana prima, a Cavani nel 4-3 alla Lazio.
Il suo unico ed ultimo gol, prova tangibile dell’estro di ogni attaccante, cominciava ad ingiallire come una vecchia foto. Mascara lo aveva segnato quando era a Catania, diverso tempo fa.
In molti si domandavano, anche in considerazione dell’età “avanzata”, se potesse ancora essere utile a certi livelli. La risposta, dopo una lunga attesa, l’ha data il folletto di Caltagirone.
Per poi affermare a fine gara, in occasione della premiazione come “Uomo Partita Sky”: “Scusate il ritardo”, rivolgendosi ai suoi familiari, ai suoi compagni di squadra, alla società ed ai suoi tifosi. Ringraziandoli, appunto, per aver continuato a credere in lui anche se si era allontanato dalle "luci della ribalta", per aver atteso che la sua stella tornasse a brillare.

Attesa, che come nel caso di Troisi, è stata ampiamente ripagata.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©

Correlati