Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Mauro: "Mazzarri ha già vinto due scudetti"


Mauro: 'Mazzarri ha già vinto due scudetti'
04/10/2011, 14:10

A Radio Crc è intervenuto Massimo Mauro, ex calciatore del Napoli:
“Sono stato uno degli ultimi ad aver giocato la Coppa dei Campioni con la maglia azzurra. Adesso il Napoli è in Champions League e questo non può che farmi piacere. Già l’anno scorso il Napoli ha disputato un campionato fantastico, lottando per lo scudetto. Quest’anno però mi aspetto che il Napoli faccia ancora meglio. Con le grandi squadre è stato straordinario. A Manchester ho visto un Napoli senza dubbi ed incertezze, ed ha anche rischiato di vincere meritatamente. Contro Milan e Inter gli azzurri hanno dominato penso quindi che il Napoli sia pronto per i grandi appuntamenti. Non so se il gruppo azzurro abbia però acquisito la mentalità giusta per vincere. Si diventa giocatori di grandi squadre quando si sa preparare la partita qualunque sia l’avversario. Punto sulla personalità di stare in campo contro tutti gli avversari. L’entusiasmo non fa male, perché è sempre stata un’arma in più. Mazzarri credo abbia già vinto due scudetti, uno con la Reggina e l’altro l’anno scorso centrando la Champions League. Adesso gli manca lo scudetto vero. Deve dimostrare di saper restare ad alti livelli. Il Napoli ha cinque grandi campioni, spero altri diventino fuoriclasse ed altri ancora dei grandi giocatori. Lavezzi è uscito nel secondo tempo di Manchester e nonostante ciò il Napoli ha giocato benissimo. Non credo che il Napoli dipenda da un unico calciatore. La consapevolezza delle vittorie arriva attraverso la consapevolezza di ventidue giocatori. Senza l’apporto di tutti non si arriva da nessuna parte. Quest’anno mi sembra che la calma di Allegri sia diventata una difficoltà perché i calciatori in campo sono lenti. Napoli e Juve invece hanno fame di vittoria e questo sta facendo la differenza. Se Milan e Inter capiranno che per vincere bisogna correre, allora rientreranno anche loro nella lotta per lo scudetto”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©

Correlati