Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ex tecnico

Mazzarri: "Dopo 4 anni a Napoli sentivo il bisogno di cambiare"


Mazzarri: 'Dopo 4 anni a Napoli sentivo il bisogno di cambiare'
18/11/2013, 10:12

L'ex allenatore azzurro, Walter Mazzarri, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Anch'io Lo Sport: "Messi nerazzurro? E' la società che detta certe linee, ma mi sembra che adesso non ci sia questa possibilità. Certo allenarlo... mi dispiacerebbe molto (ride, ndr). La scommessa Inter? Ho sempre bisogno di nuovi stimoli. Dopo quattro anni meravigliosi a Napoli era arrivato il momento giusto per cambiare. Quando poi mi ha chiamato Moratti mi sono sentito pronto per questa nuova avventura. Il mercato? Non spetta a me parlare di questi aspetti. Spetta alla società. Io dico la mia ai dirigenti che poi pensano a consegnarmi i giocatori. I devo esaltare gli elementi che ho a disposizione.

Il mancato passaggio alla Roma? Sulle trattative private non voglio entrare. Avevo diverse possibilità, ma quella che mi ho sentito più vicina era quella con l'Inter. Ho parlato con Moratti che mi ha fatto sentire subito la sua fiducia. Dopo quel colloquio non ho più avuto dubbi.

Cavani a Milano? Edinson parla con i fatti. E' arrivato a Napoli e sapete tutti quello che ha fatto con me. E' un grande campione, non è più il ragazzo da formare. Adesso però non sono questi gli acquisti che l'Inter si può permettere di fare. Campagnaro? E' rientrato nell'amichevole di sabato. Ha giocato 20' e posso dire che l'infortunio è alle spalle. Obiettivo Champions? Chi ha visto le nostre partite si è reso conto che la squadra ha già capito tanto di quello che voglio. Cerco sempre un calcio propositivo e anche i tifosi sono felici. Stiamo facendo qualcosa d'importante.

Il gap con Juventus, Napoli e Roma? I bianconeri è due anni che vince lo scudetto, è una squadra consolidata e con lo stesso tecnico. Il Napoli ha cambiato tanto, ma il morale è alto e i giocatori sono da vertice. L'Inter doveva ripartire da zero, che non si possono paragonare. Poi c'è il campo che dirà la verità. Noi dobbiamo pensare solo a migliorare sotto ogni aspetto per essere competitivi a breve. Inter in corsa per lo scudetto? Sono l'ultima persona che deve fare i pronostici. Io penso solo ad allenare la squadra”.

Commenta Stampa
di Luca G. Zanini
Riproduzione riservata ©