Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Mazzarri fa turn over. Fideleff carico!


Mazzarri fa turn over. Fideleff carico!
26/11/2011, 09:11

Contro l'Atalanta sarà un altro Napoli. Lo ha promesso Walter Mazzarri. I troppi impegni ravvicinati costringono il tecnico azzurro a far rifiatare qualche stella. Pronta, dunque, una nuova infornata di panchinari sull'ostico campo di Bergamo. Le rivoluzioni sono attese un pò in tutti i reparti, con uno in particolare...

DIFESA - E' il pacchetto arretrato quello che cambia pelle con più facilità quando si tratta di turn over. Da Cannavaro a Campagnaro, da Aronica a Fernandez, fino a Fideleff, si sono dati un pò tutti il cambio in questi mesi. In panchina restano Grava e Rinaudo (ma quest'ultimo per ora sembra essere nient'altro che un numero). Sulla lista di Mazzarri ci sono i nomi, e nella mente le posizioni. Anche contro l'Atalanta si attendono sorprese.

CARICO - E intanto c'è chi, annusando la possibilità di una maglia da titolare, si dimostra già carico. E' Ignacio Fideleff. Non fortunatissimo nelle sue prime uscite stagionali, ma voglioso di dimostrare il suo valore. Il difensore azzurro sul suo profilo twitter, ieri sera ha scritto: "Vado a dormire. Fino alla vittoria sempre".

QUESTIONE DI PESO - Il livornese, intanto, ha scelto di cambiare nella gara di sabato, preservando il gruppo "titolare" per la partita contro la Juventus. Questione di avversario. Di maggior peso quello juventino. Ma sarà realmente così? La capolista, fino all'anticipo di ieri, era la Juventus. Ed il tasso tecnico tra bianconeri e bergamaschi è certamente abissale. Ma non vanno sottovalutati alcuni aspetti. L'Atalanta è attualmente una delle squadre più in forma della serie A, e senza penalizzazione sarebbe a tre punti dalla capolista. E poi, il fattore campo. Stranamente, è più arduo andare a giocarsela nel covo bergamasco, da sempre tifoseria calda e rivale, che affrontare tra le calde mura del San Paolo la Juventus. Vista così, la scelta del turn over del sabato non appare poi così positiva. Ma abbiamo fede in Walter...

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©