Sport / Calcio

Commenta Stampa

DICHIARAZIONE D'AMORE

Mazzarri: "Napoli è la mia nazionale"


Mazzarri: 'Napoli è la mia nazionale'
06/03/2010, 14:03

 Nella solita conferenza stampa fiume del sabato, Walter Mazzarri ha toccato vari argomenti importanti. : "Bilancio? Si è fatto bene, sopra ogni aspettativa, considerando che ambiente ho trovato al mio arrivo a Napoli. Ora ci aspettano tutte partite importanti, se vogliamo dare continuità dobbiamo farlo con convinzione. Come sempre, il girone di ritorno è più difficile. Le grandi squadre non affrontano più squadre materasso, può succedere di tutto. Giocherà chi sta meglio, è importante allenarsi e mangiare bene durante la settimana. Purtroppo durante una partita abbiamo solo tre cambi a disposizione, spesso abbiamo invertito la tendenza con chi è subentrato. Chi porto in panchina è sempre un potenziale titolare. Fino a giovedì non ho potuto lavorare con il gruppo intero, ho lavorato per settori tattici non potendo parlare alla totalità della rosa. Denis? Ha giocato spesso dal primo minuto, è un giocatore importante, quando subentra ha fatto sempre benissimo, segnando 3 goal. Questo rientra nell'ordine delle cose di una rosa competitiva. Non dimenticate Zuniga e Cigarini che sono entrati alla grande. Non è importante solo chi butta la palla dentro. Domenica abbiamo schiacciato la Roma. Spesso è difficile fare delle scelte, i ragazzi sanno che sono tutti considerati. A Siena mancò solo il goal, c'erano tutti i presupposti per fare bene. Bologna? E' forte, ha un ottimo organico ed è in un buon periodo di forma. Dobbiamo andare lì con la nostra idea di gioco.
Allenamenti a porte chiuse? Molti allenatori, come me, preferiscono preservare il proprio lavoro. Anche io mandavo osservatori a seguire gli allenamenti delle squadre avversarie.
Sono stato tanti anni a Bologna, praticamente lì è partita la mia carriera.
Primavera? I campi buoni saranno un vantaggio per noi, per le caratteristiche intrinseche della squadra. Lavezzi? Sta facendo bene, lo vedo tonico negli allentamenti, credo che domani lo vedremo con una migliore condizione atletica. Sono contento di essere a Napoli, qui si lavora bene. Questa è la mia nazionale. Mi trovo bene con tutti, Bigon e De Laurentiis sono persone eccezionali.
Quagliarella? Anche quando il rendimento non è massimale, è un talento. E? tornato motivato, si sta allenando benissimo, ha svolto tutta la partitella. Sono soddisfatto del suo lavoro. I ragazzi se interpretano come sempre le partite possono fare bene. A Catania ci fu una partita anomala, contro il Chievo non giocammo bene, anche se già sentivo mia la squadra per lo spirito e il modo di interpretare la gara. CI aspettano 12 partite importanti. Antagoniste? Dovete darmi atto che pronosticai, ad una domanda di Varriale, il Palermo come principale antagonista, ha preso un ottimo allenatore e ha un'ottima rosa. Poi ci sono la Juventus, la Fiorentina, il Genoa e la Sampdoria che possono sempre rientrare. Può succedere di tutto, anche che il Palermo arrivi terzo. Contratti? Da quando vinsi il campionato a Livorno ho sempre stipulato contratti annuali, a fine giugno ci si rimetteva a tavolino per vedere se può continuare il rapporto lavorativo".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta Stampa
di Pensiero Azzurro
Riproduzione riservata ©