Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il tecnico si concentra sul Cittadella

Mazzarri: "Non dobbiamo ascoltare nessuno"


Mazzarri: 'Non dobbiamo ascoltare nessuno'
24/11/2009, 16:11

CASTELVOLTURNO - E’ un Mazzarri un po’ risentito quello che si presenta in sala stampa per la consueta conferenza del martedì. Il post-Lazio non è dei migliori e non per il risultato, ma per qualche critica di troppo o mal costruita. “Ho detto ai ragazzi di non ascoltare nessuno”, ha sottolineato il tecnico – e a chi evidenzia le poche reti messe a segno dagli attaccanti risposte: “Non vedo l'astinenza del gol. Sono solo due partite che non segnano. Non si devono far influenzare, il Pocho cerca Fabio a anche quando non deve e io non voglio che cada in questi tranelli per questo voglio che non ascoltino nessuno".
Alcune critiche potrebbero essere per far crescere, evidenziano alcuni colleghi:" Ho visto alcune mie dichiarazioni contrastate a quelle del Pocho come fosse un botta e risposta. Ognuno è libero di pensare come vuole, ma non voglio che niente si inserisca tra me e i giocatori".

Non solo lati negativi, anzi il Napoli ha dimostrato ancora una volta carattere e la difesa non ha subito gol: "Considerate che molti giocatori sono stati in nazionale. I difensori no e ho potuto lavorare di più. Non abbiamo mai sofferto un contropiede".

Si volta pagina e si pensa al Cittadella, probabile il turn over in Coppa Italia e si potrebbe vedere Zuniga a destra:" Può essere perché deve riposare in primis Maggio".

Hoffer?:" Lo vedo bene in allenamento, non voglio alibi ma non riesco a comunicare con lui per la lingua. Come potenzialità lo vedo bravo. Non so se giocherà giovedì, vorrei farlo entrare. Dobbiamo fare qualche esperimento Nel corso del campionato e ci sono punti in ballo".

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©