Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Mazzarri prova Zuniga nel tridente


Mazzarri prova Zuniga nel tridente
10/12/2010, 14:12

 La prima volta senza il Pocho e su uno dei campi più difficili della serie A. Il Napoli a Genova dovrà scoprire se è Lavezzi dipendente oppure può sopperire tranquillamente alla sua assenza. Che il giocatore argentino sia unico nel suo genere, con i pregi e i suoi difetti, lo hanno capito i tifosi che lo osannano ma anche Mazzarri che non smette mai di elogiarlo. Il tecnico di San Vincenzo è alle prese con una scelta difficile per domani contro il Genoa. Il Pocho proprio non ce la fa salvo miracoli. Ieri ha svolto sedute in piscina per cercare di assorbire il versamento alla caviglia che gli procura un dolore fastidioso.

Senza l’attaccante argentino, Mazzarri ha tre alternative. Ieri ha provato Zuniga nel tridente schierato a destra. Il colombiano, però, in questo ruolo inusuale è stato sperimentato con successo solo nell’amichevole precampionato di Ravenna contro il Bologna pareggiata 0-0. Al momento, però, questa sempre l’alternativa più valida. L’argentino Josè Ernesto Sosa, reduce da una distorsione al ginocchio sinistro, ha saltato la sfida con il Palermo. Ieri si è allenato con il gruppo, ma non appare al top della condizione tanto da schierarlo sin dall’avvio. Il trequartista ex Bayern Monaco potrebbe invece essere inserito nella ripresa.

L’ipotesi più suggestiva e caldeggiata anche da una parte dei tifosi e degli opinionisti è quella di rischiare titolare Nicolao Dumitru, il giovane su cui il Napoli ha puntato le sue fiches per il futuro. Il giovane coloured azzurro, 19 anni, ha giocato fin qui cinque partite, mai nessuna dall’inizio, ma con sempre maggiore personalità. L’ultima con il Palermo, quando è stato chiamato proprio da Mazzarri a sostituire Lavezzi. E’ un giocatore rapido, che ha grande voglia di mettersi in mostra e sicuramente rappresenta un patrimonio del Napoli. Ecco perché forse il tecnico toscano non vorrà "bruciarlo" per una partita così importante e magari inserirlo a partita in corso. Proseguono intanto i miglioramenti di Cristiano Lucarelli, a quasi tre mesi dall’operazione al ginocchio. L’attaccante toscano ha lavorato con il gruppo ed è in peso forma. Un uomo con le sue caratteristiche, in questo momento, sarebbe servito come il pane. E invece ora tocca a Mazzarri trovare l’alter ego del Pocho, un rebus che sarà sciolto solo nelle prossime ore.

Fonte: Corriere del Mezzogiorno.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©