Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'editoriale di Varriale

Mazzarri provoca De Laurentiis: dov’è il Napoli 2?

Altra sconfitta per le seconde linee e per il modulo azzurro

Mazzarri provoca De Laurentiis: dov’è il Napoli 2?
26/10/2012, 11:02

Il Napolidue ha rimediato un’altra grossa brutta figura in Europa. Le riserve di Mazzarri non sono state all’altezza della forte corazzata Ucraina che ha dimostrato di essere in palla e fisicamente pronta rispetto agli undici scesi in campo nello gelido stato ex URSS. La vergogna più evidente è stata sicuramente quella della sbagliata scelta tattica di mazzarri che ha proposto un centrocampo a diamante invertito per garantire supporto alle due giovani punte Insigne e Vargas. Una delusione per tutti i tifosi Napoletani che speravano almeno in un pareggio in terra straniera ed invece si sono ritrovati altri tre goal umilianti al pari del match olandese contro il PSV Eindhoven. Inutile dire che Walter Mazzarri ha sbagliato insistendo a schierare Fernandez centrale quando in campo erano presenti Aronica, già rodato per sostituire Cannavaro, e Gamberini che sulla sinistra non ha di certo sfigurato nel match contro la Juve pur essendo un piede “destro”. A centrocampo le seconde linee hanno affossatoil Napolielo schieramento offensivo di Zuniga e Mesto non ha dato i suoi frutti in fase offensiva sbilanciando la squadra con la trazione anteriore che ha caratterizzato l’assetto tattico in campo. Inutile dire che le presenze di Dzemaili e  Donadel non sono state all’altezza di un Marek Hamsik che solitamente crea disturbo e si propone in fase offensiva lasciando tranquilli i suoi colleghi di centrocampo a coprire eventuali buchi lasciati dall’inserimento di Marekiaro. In attacco, Insigne non è stato di supporto a Vargas anche perché i due giovani attaccanti hanno giocato sulla stessa linea. Di solito, il Magnifico gioca un po’ più arretrato proprio per servire i top player Pandev o Cavani. Ma questa volta c’era Vargas: autore della provvidenziale tripletta con l’AIK Solna che ci consente di essere ancora in lizza per la qualificazione al prossimo turno. Il cileno non è mai entrato in partita e non ha il fisico per poter giocare a calcio a differenza di Insigne che era semplicemente fuori luogo. Mazzarri ha schierato Cavani, Inler e Pandev per risolvere la partita, ma l’effetto creato è stato quello dell’utilizzo, a partita già decisa, di giocatori utili al campionato con la speranza che questi non siano stanchi per il match di domenica sera contro il Chievo. Ma dietro questa scelta del turnover scellerato si nasconde secondo molti addetti ai lavori una provocazione che il tecnico toscano fa costantemente al presidente. Come se Mazzarri volesse far vedere ai tifosi ed al presidente cheil Napoli1 edil Napoli2 sono solo una finzione dellastampa edelle ambizioni di chi ha voluto imbonire ad iniziostagione isupporters azzurri dopo un calciomercato fantomatico. Non c’è nulla da fare purtroppo,il Napoliè uno con i suoi 14 giocatori e l’obiettivo da perseguire è sicuramente quello dello scudetto. Ora che i tifosi lo sanno, possono mettersi l’anima in pace ed evitare di andare in Svezia a vedersi il match contro l’AIK che sarà sicuramente vincente, mentre per i due big match europei al San Paolo c’è da incrociare le dita… sempre che non giochi un riposato Napoli 1.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©