Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA POSSIBILE RIVOLUZIONE

Mazzarri ridisegna il Napoli?


Mazzarri ridisegna il Napoli?
03/03/2011, 11:03

Alcune sconfitte lasciano il segno, soprattutto se arrivano in un momento così decisivo della stagione. Un segno evidente, come dimostrano le ultime indiscrezioni sulle prossime scelte di Mazzarri.
Sembra, infatti, che il tecnico livornese sia pronto a rivoltare il Napoli come un calzino. Con il Brescia, probabilmente, vedremo un’altra squadra e non solo dal punto di vista dell’approccio alla gara.
Aronica, che si è macchiato dell’ingenuità che è costata cara agli azzurri a San Siro, potrebbe accomodarsi in panchina. Al suo posto, con ogni probabilità, giocherà Victor Ruiz, suo sostituto naturale.
Un’opportunità importantissima per il difensore spagnolo, che potrebbe finalmente conquistarsi la stima di staff, compagni e tifosi, andando a “rubare” il posto di titolare ad Aronica.
A centrocampo, invece, tira aria di profonda rivoluzione. Almeno il 50% del reparto, infatti, potrebbe variare nella gara col Brescia. Gargano, che da alcuni mesi a questa parte è in evidente calo, potrebbe essere lasciato a riposo in favore di Yebda, così come potrebbe accadere a Maggio o, più facilmente, a Dossena, che lascerebbe il posto a Zuniga.
L’algerino ed il colombiano, per il momento, sembrano offrire maggiori garanzie, sia dal punto di vista fisico che mentale.
In avanti, infine, il leggerino Mascara e il mai decisivo Sosa sembrano essere stati sorpassati da Lucarelli, che potrebbe giocare da titolare, agendo al fianco di Cavani, con Hamsik alle loro spalle.
Una decisione questa che, almeno per caratteristiche dei giocatori, rappresenterebbe la vera novità. L’assenza di Lavezzi, infatti, potrebbe spingere Mazzarri verso la soluzione del doppio centravanti, in modo che Cavani non resti troppo isolato lì davanti. L’uruguayano, peraltro, potrebbe anche arretrare un po’ la sua posizione, agendo tra le linee (come fa il Pocho) e lasciando l’area di rigore a Lucarelli.
Per ora, però, sono soltanto ipotesi. Ma sono ipotesi piuttosto indicative, che spiegano come Mazzarri sia intenzionato a cambiare qualcosa.
La sconfitta di Milano, nonostante l’arbitro Rocchi ed i suoi errori, ha lasciato il segno.
Per fortuna.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©