Sport / Calcio

Commenta Stampa

"Difficile vincere con i giovani"

Mazzarri: "Thohir ed io ci siamo capiti"


Mazzarri: 'Thohir ed io ci siamo capiti'
13/02/2014, 13:30

Walter Mazzarri, dalle frequenze di Radio Capital, ha parlato del momento che sta attraversando la sua Inter e ha sottolineato il proprio ruolo e quello del presidente Erick Thohir.
"Ci hanno dato fastidio gli ultimi risultati negativi", ha dichiarato il tecnico di San Vincenzo. "Si era partiti col piede giusto all’inizio dell’anno, poi sono venute tante cose per le quali in questo momento preciso non stiamo facendo come volevamo, al di là dell’ultima vittoria. Se avessi la possibilità di parlare direttamente col presidente sarebbe meglio, ma questo per me è uno stimolo. Thohir e io ci siamo capiti, c’è stima reciproca, e questo mi dà forza per proseguire nel mio lavoro".

Poco propenso a far crescere i giovani e ad impiegarli con continuità, Mazzarri ha lanciato una vera e propria frecciata nei confronti di Kovacic, Icardi e dell'ormai ceduto (in prestito) Belfodil: "Me li sono ritrovati in rosa, lo sanno tutti, ma non è quello il problema. L’allenatore deve valorizzare la propria rosa coi giovani e coi meno giovani. Ma in una piazza come l’Inter, i giovani devono imparare a capire che c’è una pressione e una responsabilità diversa. Guardate la Juventus che ha vinto gli ultimi due scudetti: quanti giovani ha fatto giocare? Bisogna considerare poi che ci sono i valori: ci sono giovani fuoriclasse già abituati a certi valori e altri che vanno formati".

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©