Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Mazzarri, un rientro fatto di urla e combattività

Sempre in prima linea

Mazzarri, un rientro fatto di urla e combattività
07/11/2012, 12:41

Alle dieci e trenta è arrivato in auto, la sua auto, a CastelVolturno. Walter Mazzarri pronto, con ore di anticipo, all’allenamento del pomeriggio. Ha fugato così ogni qualsiasi dubbio sul suo stato di salute. Ha messo a tacere ogni voce incontrollata su un lunedì trascorso in clinica a fare accertamenti. Il tecnico del Napoli combattivo come sempre è arrivato al campo con una sola e importante intenzione: cominciare da subito, e quindi dalla gara di Europa League contro il Dnipro, prevista domani sera al San Paolo, ad invertire la tendenza negativa che ha contrassegnato il suo Napoli nelle ultime settimane.

Europa e campionato, tutto in tre giorni: il Napoli domenica è atteso a Genova ed è necessario rimettere punti in cassaforte. Tre sconfitte, un pareggio ed una vittoria nelle ultime cinque gare tra campionato e coppa. E allora, Mazzarri è arrivato al campo in mattinata, molto prima della convocazione dei calciatori. Riunione con lo staff, soluzioni da valutare per la partita contro il Dnipro. Tabelle e schemi da perfezionare, video da riguardare e relazioni del suo vice da ascoltare. Il solito e combattivo Mazzarri che ha diretto regolarmente l’allenamento, ha alzato la voce. Ha chiesto carattere e cattiveria alla sua squadra. Ha rivisto gli errori della gara di domenica scorsa contro il Torino, la beffa del pari all’ultimo minuto. Quel retropassaggio sciagurato di Aronica, l’errore di Hamsik a porta vuota che poteva cambiare le sorti della gara. C’era e c’è da lavorare, Mazzarri, come sempre, in prima linea.

FONTE: MONICA SCOZZAFAVA PER IL “CORRIERE DEL MEZZOGIORNO”

PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©