Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

GUARDA IL VIDEO

"Mi sento napoletano, finale di carriera agitato"


'Mi sento napoletano, finale di carriera agitato'
23/08/2010, 18:08

Eccolo, con la sua novantanove azzurra nuova di zecca. Si presenta così Cristiano Lucarelli, scortato dal presidente Aurelio De Laurentiis. Sorriso stampato sul viso e spazio alle prime  parole d’amore.
Ho aspettato tanto solo per il Napoli, solo questa squadra meritava tanta attesa. Sono contento di questo matrimonio, Mazzarri ha influito sulla mia scelta. Lavorare con un allenatore che ti conosce è un vantaggio, riesce a capire i momenti negativi nel corso di una stagione. Avverto sensazioni ottime, da avversario ho sempre avvertito il calore particolare di Napoli e tanti miei compagni mi hanno raccontato le emozioni uniche del San Paolo. Ho parlato con Protti e mi ha trasferito tutte le sensazioni che si provano con questa maglia, Napoli riesce a farti tirare fuori energie che nemmeno sai di avere. Sono convinto di essere utile al Napoli, non posso dire che contributo posso offrire in termini di quantità ma sono sicuro di poter dare il mio contributo. Sono anche il più vecchio e potrò offrire un contributo nella gestione del gruppo. Mentalmente vengo a Napoli per giocare da titolare ma sono a dispozione del mister e sono anche pronto ad andare sempre in panchina. Penso di integrarmi benissimo con i compagni d’attacco, contro l’Elfsborg mi davo i pizzicotti vedendo tante occasioni da rete create.   Ho il desiderio di avere un finale di carriera agitato, ho rinunciato anche ad una situazione economica migliore. Ammetto che non volevo più venire ma il presidente mi ha richiamato nel momento giusto. Napoli scelta di cuore? Non sono ruffiano ma se ho scelto Napoli è perché mi sono sempre sentito un po’ napoletano, sono un passionale”.
 

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©