Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL CORRIERE

Miccoli in dubbio per Napoli-Palermo


Miccoli in dubbio per Napoli-Palermo
30/04/2012, 10:04

Tredici gol e dodici assist. Una gran parte della salvezza del Palermo è firmata da Fabrizio Miccoli, giocatore decisivo come non mai, oltre che capitano che si è preso a cuore le sorti della squadra e non tralascia niente pur di darle una mano. In un campionato sbagliato, nel mezzo di una crisi di entusiasmo visibile ad occhio nudo, Miccoli è una delle poche certezze cui si appiglia la gente. E’ l’uomo in più sul piano tecnico, come ha mostrato nell’azione del gol al Catania soprattutto grazie ad un controllo in corsa che è patrimonio solo di pochi. Ma soprattutto è l’elemento di continuità in un Palermo smantellato che perde troppo rapidamente molti dei suoi calciatori più importanti. I suoi numeri sono straordinari se si considerano le difficoltà che il Palermo ha mostrato per gran parte della stagione. Miccoli ha confermato di avere acquisito nella maturità una capacità realizzativa che negli anni pre-Palermo non era così spiccata. Oltre a segnare tantissimo (e con un solo rigore nel conto), Fabrizio è stato fondamentale per i passaggi che hanno permesso ai compagni di andare a rete. La sua abilità balistica permette di sfruttare al massimo le “palle inattive” tanto che 5 di questi 12 assist sono nati da corner o calci di punizione da lui battuti su cui, a turno, hanno fatto gol Migliaccio, Mantovani, Silvestre e Budan. Ai numeri-record del resto in questi anni Miccoli si è abituato. E’ entrato a pieno titolo nella storia rosanero: con 68 gol è di gran lunga il miglior realizzatore “all time” comprendendo anche le Coppe. Ma da sabato Carlo Radice è stato superato anche nei campionati. Toccata quota 63 realizzazioni, Miccoli è il numero 1.

PRESENTE E FUTURO - Sabato l’atmosfera che aleggiava sul derby sembrava tesa per il Palermo. Ma Miccoli costituisce un’eccezione per i tifosi. Prima del match, uno striscione in curva recitava: “Capitano il tuo nome è entrato nella storia, tatuato nella nostra memoria”. E Fabrizio ieri, tramite il suo profilo facebook, ha riconosciuto di aver tratto carica da quella scritta: «  Che brividi mi ha dato il pubblico sabato, grazie di cuore ». Quanto al futuro, quello più immediato, ovvero la partita di Napoli prevista già domani sera (!) quasi certamente non lo vedrà protagonista. Miccoli è uscito acciaccato dal derby, ha stretto i denti su un fastidio muscolare perché teneva troppo all’incontro. Ma il tempo per recuperare è poco ed è assai probabile che al San Paolo domani il capitano dia forfait, per tornare però la domenica successiva col Chievo nell’ultima gara stagionale dell’anno al Barbera. Un saluto doveroso ai tifosi cui tiene moltissimo. E l’anno prossimo? L’interrogativo rimane perché i progetti tecnici del Palermo non sono ancora chiari. Lui ha il contratto per un’altra stagione ma alla domanda diretta svicola: «  Non so, dipenderà dalla società, vedremo quello che succederà ». Oggi come oggi sarebbe difficile pensare ad una squadra senza Miccoli, il salva-Palermo.

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT
 

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©