Sport / Formula1

Commenta Stampa

Probelmi fisici e clamoroso dietro front del Tedesco

Michael Schumacher:"Non sono in grado di gareggiare"


Michael Schumacher:'Non sono in grado di gareggiare'
11/08/2009, 11:08

Incremento di oltre il 50% nella vendita dei biglietti per il gran premio al quale avrebbe partecipato come pilota Ferrari, l'ingaggio sportivo più alto al mondo con un milione di euro a gara (due in caso di vittoria), la preparazione fisica portata avanti alla velocità della luce e una valanga di attese. Si è presentato così all'uscio di uno sport che pare sempre più in agonia il 7 volte campione del mondo. Schumi era la speranza di rinascita inattesa non solo per la Ferrari ma per l'intera formula uno. Tre dei sette chili da dover perdere per poter tornare a correre fatti fuori in pochi giorni e una miriade di test sull'auto andati a buon fine avevano dato per certo il suo ritorno in rosso.

Purtroppo però, questa mattina, un dispiaciuto e visibilmente contrariato Schumacher ha dichiarato: "Sfortunatamente non sono in grado di sostituire Massa. Ho fatto veramente di tutto per rendere possibile il mio rientro temporaneo, ma con mio grande rammarico non ce l'ho fatta". In un attimo sfuma la possibilità che il campione tedesco possa disputare i restanti sette gran premi. A fermare l'inarrestabile ferrarista pare sia stato un parecchio noioso problema al collo: "Non siamo riusciti - spiega infatti Schumi - a venire a capo del mio problema al collo, pur avendo tentato tutto il possibile dal punto di vista medico e terapeutico. Per questo il mio collo non può sopportare l'estremo stress richiesto dalla Formula Uno: è il chiaro risultato degli esami fatti nelle due settimana appena trascorse. Sono terribilmente contrariato e dispiaciuto per i ragazzi della Ferrari, e ripeto di aver fatto tutto il possibile: incrocio le dita per i prossimi GP della Ferrari". Schumacher molla, dopo avercela messa tutta e si lascia alle spalle un "ohhhhhhhhhh" di delusione la cui eco si disperderà difficilemente.

Molto amareggiato anche Montezemolo che, primo fra tutti, aveva investito e creduto nel grande ritorno del suo grande favorito:"Sono molto dispiaciuto per il problema che impedirà a Michael di tornare a gareggiare - Dichiara il leader Ferrari- In questi giorni avevo potuto apprezzare il grande impegno e la straordinaria motivazione che lo animavano e che avevano coinvolto il team e gli appassionati in tutto il mondo. Il suo ritorno avrebbe sicuramente fatto bene alla Formula 1 e sono certo che lo avremmo rivisto lottare per la vittoria. A nome della Ferrari e di tutti i suoi tifosi desidero ringraziarlo per il grande attaccamento alla squadra dimostrato in questa circostanza. D'accordo con Stefano Domenicali abbiamo quindi deciso di dare a Luca Badoer la possibilità di correre con la Scuderia dopo tanti anni di prezioso lavoro svolto nel ruolo di collaudatore". C'è mancato sul serio un pelo: la tragedia sfiorata di Massa pareva poter lasciare spazio ad ritorno che della legenda doveva avere il sapore e che, invece, della legenda avrà proprio tutto; anche la non realizzabilità.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©