Sport / Calcio

Commenta Stampa

Napoli, domani impegnato in trasferta a Lecce

Milan: campione d'Italia per la 18°volta


Milan: campione d'Italia per la 18°volta
07/05/2011, 23:05

Roma - Il Milan ha coronato il sogno del premier e dei milioni di tifosi rossoneri, diventando campione d'Italia, a 7 anni dall'ultima vittoria dell'era Ancelotti.
Il diavolo ha conquistato lo scudetto, con due turni d'anticipo, grazie a un pareggio senza reti all'Olimpico, contro la Roma.
Il risultato non ha fatto altro che confermare quello intravisto dall'inizio del campionato, il dominio della squadra di Allegri, sempre al comando, e soddisfare anche i sogni e l' esigenze di Berlusconi, di rompere il dominio del F.C. Internazionale e tornare a vincere lo scudetto, per raccogliere ''un sacco di voti''.
La partita - Nel primo tempo, il Milan chiuso e emozionato, si lascia dominare dal bel ma sterile gioco della Roma, che sfiora il gol più volte, con Taddei e con i lanci di Cassetti per la testa di Vucnic.
Come avvenuto al minuto 14’, quando il montenegrino su un cross perfetto di Cassetti, stoppa di petto il pallone nell’area piccola milanista e calciando a colpo sicuro, trova un prodigioso Abbiati, opposto al vantaggio giallorosso.
Nel secondo tempo l'allenatore del Milan cambia le carte in tavolo, aggiungendo Ambrosini al posto di Gattuso, per voltarsi ad un gioco d'attacco.
Al primo minuto, Robinho colpisce subito il palo e poco dopo Ambrosini sfiora anche lui il vantaggio con una girata ravvicinata deviata in angolo.
La Roma attacca solo quando il Milan abbassa il possesso palla, senza combinare nulla.
Altre occasioni importanti prima della fine della partita, sono: quella avvenuta al minuto 15’, quando Boateng su assist di Ambrosini spreca l’impossibile, a tu per tu con Doni, e la punizione violenta di Ibrahimovic respinta da Doni.
Il Milan è campione d'Italia per la 18° volta e migliaia di tifosi milanisti accorrono già per le strade di Milano con l'obiettivo di raggiungere il Duomo, per festeggiare.
Domani il Napoli già aritmeticamente qualificato per la Champions è impegnato nella difficile trasferta di Lecce, in piena lotta retrocessione.
Anche se negli ultimi giorni, l'argomento che più tiene in apprensione il mondo azzurro, è il malumore sempre più crescente dell'allenatore Mazzarri nei confronti della società e un suo possibile addio, alla fine della stagione.

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©