Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Mindiali, Rugby: Australia-Sudafrica 11-9


Mindiali, Rugby: Australia-Sudafrica 11-9
09/10/2011, 15:10

L’Australia, al termine di una partita di un’intensità sconosciuta, supera a Wellington il Sudafrica e vola in semifinale. La grande classica dell’Emisfero Sud, la finale anticipata, è all’altezza delle aspettative: decide un piazzato di baby O’Connor - ragazzino di ghiaccio - a otto minuti dal termine. Wallabies e Springboks, per tutto il match, ingaggiano una battaglia feroce, forse poco spettacolare, ma splendida per pathos e fisicità. L’Australia vince utilizzando le armi che, sulla carta, sono degli avversari: mischia e gioco al piede. E’ il Sudafrica a fare la partita, per territorio e possesso. Ma sono gli Wallabies, trascinati da un indiavolato Pocock, mister-placcaggio, a sfruttare al meglio le poche occasioni a disposizione. L’unica meta arriva in avvio: l’Australia, dopo dieci minuti di forcing Springboks, entra per la prima volta nella metà campo avversaria. Burger è placcato, il Sudafrica perde il pallone in una ruck, Samo passa a McCabe che serve l’accorrente Horvill. Per il capitano la meta è un gioco da ragazzi. O’Connor non trasforma, ma poi centra un piazzato (8-0). Gli Springboks sono costantemente in attacco, ma accorciano solo poco prima dell’intervallo con Morne Steyn (8-3). Nella ripresa la musica non cambia: la squadra di De Villiers fa e disfa, quella di Deans pensa soprattutto a difendersi. Il piede dell’apertura si ripete (8-6) e poi trova un grande drop laterale da una trentina di metri (8-9). Il Sudafrica sembra padrone del match, pronto al colpo della staffa. Ma l’Australia è cinica e con O’Connor firma il decisiva sorpasso. L’assalto finale degli Springboks è vano. Sono gli Wallabies a continuare la corsa verso un possibile terzo titolo iridato.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©