Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Modiali - Rugby, Francia-Galles 9-8


Modiali - Rugby, Francia-Galles 9-8
15/10/2011, 15:10

Per la terza volta nella sua storia la Francia raggiunge la finale dei Mondiali di rugby. Al termine di un incontro molto combattuto, il XV del ct Marc Lievremont ha battuto per 9-8 un indomito Galles, alla sua prima volta tra le prime quattro. La Francia ha realizzato tre calci piazzati con il mediano d'apertura Morgan Parra mentre il Galles e' andato a segno con un piazzato di James Hook e una meta (non trasformata) di Mike Phillips. Decisivi ai fini del risultato anche i calci piazzati sbagliati da Stephen Jones e Mike Halfpenny nelle fasi finali dell'incontro. I Dragoni possono pero' recriminare per l'espulsione al 18' del capitano, il terza linea Sam Warburton, reo di un placcaggio violento nei confronti dell'ala francese Julien Clerc. ''Lui non e' un giocatore violento. Perche' rovinare cosi' una semifinale con un cartellino rosso?'', si e' chiesto dopo l'incontro l'allenatore del Galles, il neozelandese Warren Gatland. Dal canto suo lo stesso Warburton si e' detto deluso ma ha ribadito che non era sua intenzione fare male a Clerc. E' stata questa la seconda espulsione del Mondiale neozelandese dopo quella del samoano Paul Williams nella partita del 30 settembre dopo il Sudafrica. ''Non me ne frega niente se la partita non e' stata bella'', ha dichiarato dopo il match Lievremont, ammettendo subito dopo che ''e'stata la piu' brutta semifinale della storia del rugby mondiale''. E cosi', dopo Nuova Zelanda 1987 (sconfitta proprio dai padroni di casa 29-9) e Galles 1999 (battuta dall'Australia 35-12) che i Galletti arrivano all'atto conclusivo del Mondiale. E anche questa volta non partiranno con i favori del pronostico visto che la seconda finalista uscira' fuori dal match di domani, sempre ad Auckland, tra i padroni di casa della Nuova Zelanda e l'Australia recente vincitrice del Sudafrica nei quarti. All Blacks favoriti ma bisognera' vedere quanto pesera' l'assenza del mediano d'apertura Dan Carter.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©