Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Moggi: "Napoli, dovevi puntare al campionato"


Moggi: 'Napoli, dovevi puntare al campionato'
13/02/2012, 12:02

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus
“Non sono la bestia nera del calcio. Napoli, puoi battere il Chievo”
“Sono a Roma e c’è sole e stasera al San Paolo spero che ritorni a splendere il sole anche per il Napoli. È una partita particolare perché il Napoli difficilmente vince contro il Chievo. Il Napoli deve rimettere a posto la classifica e poi la vittoria di stasera potrebbe essere uno stimolo per la squadra di Mazzarri. La sconfitta di Siena è stata clamorosa, ma al problema del Napoli si può rimediare. La gara contro il Chievo va affrontata con attenzione.
Ho visto delle scelte della società azzurra sbagliate, nella partita di andata contro il Chievo si è fatto troppo turnover. La priorità doveva essere il campionato, al di là del fatto che il Napoli in Champions contro il Chelsea può disputare una ottima prestazione, questa è fine a sé stessa. Il Napoli può qualificarsi in Champions League ma il campionato doveva essere la priorità anche perché quest’ultimo poteva dare al Napoli l’ingresso in Champions League ugualmente. L’allenatore azzurro probabilmente ha toppato in diverse occasioni.
Il Napoli è una signora squadra, non ha niente di incredibile ma rispetto a tanti altri club ha qualcosa di migliore. Bisogna avere degli obiettivi e capire le proprie forze. Per esempio contro il Bayern Monaco e contro il Manchester City avrei fatto il turnover, mentre in campionato avrei schierato la formazione migliore. Forse il Napoli ha bisogno di un po’ più di esperienza, quest’anno alcune scelte sono state sbagliate. L’allenatore deve sapere rapportare le forze dei giocatori alle prestazioni da disputare, è questione di esperienza e di conoscenza dei propri giocatori. Bisogna spiegare al presidente azzurro le priorità del calcio per una squadra che deve affrontare un percorso di crescita.
La conduzione del Napoli è stata buona ma quando si arriva al punto di dover dare una svolta bisogna essere più concreti e pronti. Quando ho visto la partita di Chievo ho detto che il Napoli non avrebbe fatto un buon campionato ed i fatti mi hanno dato ragione.
A questo punto il Napoli deve giocarsi tutto, contro il Chelsea deve impegnarsi e cercare di vincere anche perché deve approfittare del momento buio della squadra inglese. Se il Napoli vincesse la Coppa Italia e arrivasse settimo in campionato sarebbe una stagione discreta. Il dramma è che il Napoli poteva competere per il titolo ufficiale.
Ritengo che il Napoli abbia fatto cose buone in questi anni, è ritornato in serie A, si è affacciato in Europa ma quest’anno la squadra azzurra poteva fare di più in campionato. Probabilmente se il Napoli avesse avuto a disposizione Britos e Donadel già all’inizio della stagione, Mazzarri avrebbe fatto un turnover diverso.
Il problema del campionato di questo momento è la condizione climatica. La corsa allo scudetto è falsata e non per mancanza di nuovi stadi. La partita annullata a Napoli contro la Juventus, per esempio, è stata rimandata a causa della viabilità. La realtà è che siamo in mano a gente incompetente, capisco Sky che paga tanti soldi e vuole trasmettere le gare in serata, ma non è giusto per il Presidente della Lega e per il Consiglio di Lega rimandare le partite solo perché nevica. In una settimana ci sono da fare cinque recuperi, questo falsa il campionato.
Chi vincerà lo scudetto? Il Milan perché è primo in classifica e la pressione è tutta della Juventus. In più il Milan adesso può recuperare tutti i giocatori, morale della favola, il 25 febbraio quando al San Siro ci saranno le due squadre a competere il Milan si troverà in condizioni migliori rispetto alla Juventus.
Moratti sta dimostrando che Calciopoli non esiste perché l’Inter è in difficoltà.
Il mio possibile futuro alla Juventus? In questo momento sono impegnato in un’altra gara, lasciamo stare le ipotesi. Non sono l’uomo nero del calcio, sono stato l’uomo bianconero.
Faccio un in bocca la lupo al Napoli per stasera, non è impossibile vincere. La squadra azzurra non deve avere timore di affrontare la sua bestia nera”.


 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©