Sport / Calcio

Commenta Stampa

Opinioni contrastanti sul gesto del portoghese

Mondiali: Ronaldo, sputo ad una telecamera


Mondiali: Ronaldo, sputo ad una telecamera
30/06/2010, 20:06

Città del Capo – Dopo la sconfitta contro la Spagna, a riaccendere gli animi nel ritiro del Portogallo, ci ha pensato il fuoriclasse del Real Madrid, Cristiano Ronaldo. Il giocatore, al termine del match ha sputato ad una telecamera, che proprio in quel momento lo inquadrava. Il calciatore, ha commentato così il suo gesto: "Sono distrutto, desolato e frustrato, con una tristezza inimmaginabile. Come spiego la sconfitta? Chiedetelo a Queiroz". In difesa dell’asso madrileno, arriva il suo nuovo tecnico, Josè Mourinho: "Ora deve pensare alle vacanze e stare tranquillo. La prossima stagione non permetterò a nessuno di caricare su di lui le responsabilità di una squadra". Evidente, il dissenso di Mourinho per le scelte del ct del Portogallo, proprio in relazione a Cristiano Ronaldo. A bacchettare però il portoghese, ci ha pensato un’ex stella della suddetta Nazionale, Luis Figo: "Non mi interessa quello che fa Cristiano Ronaldo, mi interessa l’immagine della Nazionale. Un capitano, indipendentemente che si vinca o si perda, deve sempre difendere il gruppo. Soprattutto nei momenti più difficili deve mettere sempre davanti a tutto il gruppo". In questo clima di tensione, non ha tardato ad arrivare, la risposta di Queiroz alle accuse di Ronaldo e di Mourinho: "Se devo passare tutta la vita ad insegnare alle persone come contenere le proprie frustrazioni, lo farò. Ronaldo? Non lo ignoreremo, non siamo qui per essere amici dei giocatori, non bisogna permettere che qualcuno si metta al di sopra degli interessi della Nazione". Il tecnico lusitano, ha infine sottolineato l’importanza per il Portogallo di Ronaldo, e allo stesso tempo del Portogallo per Ronaldo, ed ha concluso: "Se questa maglia è troppo stretta per qualcuno, non è necessario indossarla".

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©