Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL CORRIERE

Montella: "Napoli stanco? Non ci credo"


Montella: 'Napoli stanco? Non ci credo'
25/03/2012, 11:03

CATANIA - Non vuol sentire parlare di Europa. Né di Napoli stanco per il tour de force delle ultime settimane fra campionato, Champions League e Coppa Italia. Vincenzo Montella tira dritto per la propria strada, garantendo - ma questa sa più di boutade - che neanche la salvezza è stata ancora raggiunta.

«Manca il conforto della matematica e non è detto da nessuna parte che i 41 punti possano bastare. Certo, al San Paolo giocheremo la nostra prima partita forti di una classifica già soddisfacente e serena. Per questo stavolta ad interessarmi non sarà tanto il risultato quanto la prestazione. Ho chiesto ai ragazzi - e lo pretendo - che nessuno si rilassi, che molli la presa, che manchi di concentrazione. Andiamo avanti per la nostra strada e a chi mi parla di Europa io rispondo che penso soltanto alla partita di questo pomeriggio col Napoli». Mazzarri - e non solo lui - ha avuto parole di stima per lei in questi giorni. «Con Mazzarri c'è un ottimo rapporto da anni. Lo ringrazio sempre per tutto quello che ha fatto per me. Quando mi propose di fargli da secondo scelsi un'altra strada, quella delle giovanili della Roma, ma lo ringrazio davvero per le sue parole. Napoli stanco? A me sa più di pretattica. E' una squadra fortissima, giocasse anche solo con i panchinari. A cominciare da Pandev. Non credo che ci troveremo di fronte un Napoli stanco e non credo che nemmeno i nostri giocatori debbano pensare di trovare una squadra che ad un certo punto della partita possa mollare». Quale, fra gli avversari, sarà da seguire con maggiore attenzione. «Dovremo stare attenti a tutti i nostri avversari, soprattutto in attacco. Hanno l'attacco più forte della Serie A. Lavezzi è cresciuto tantissimo. Rispetto alla gara d'andata non saprei far previsioni, ma posso dire che giochiamo nella stessa maniera sia noi sia loro».

FONTE: CORRIERE DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©