Sport / Motogp

Commenta Stampa

Motogp, Brno: la pagella del Dicos


Motogp, Brno: la pagella del Dicos
27/08/2012, 18:27

DANI PEDROSA 10 e Lode: Gara perfetta, sotto ogni punto di vista. Sinceramente quando Jorge lo ha sorpassato in occasione dell’ultimo giro ho pensato che come quasi sempre capita in queste circostanze, non avrebbe risposto all’attacco. Invece ha sorpreso tutti sfoderando una grinta ed una cattiveria agonistica che lo hanno portato a fare un sorpasso bellissimo, ed arrivare a tagliare, poi, per primo il traguardo. Incredibilmente bello. Il mondiale non solo si è riaperto, ma viste le premesse della terra ceca, sarà uno spettacolo da non perdere. Sorprendentemente efficace!

 

JORGE LORENZO 9: Parte dal palo sulla pista che ama, con i pronostici che lo davano per trionfatore. S’impegna e lotta come un gladiatore per far sua la coppa del più bravo. Guida da paura, con uno stile così perfetto da non sembrare vero. All’ultimo giro sorpassa di forza il connazionale della Honda e…Pedrosa sveste i panni dell’eterno secondo per indossare quelli del fenomeno e costringe il 99 alla seconda piazza. Una brutta botta per il leader in classifica, che si trova così a masticare amaro dopo le premesse dolci. Leone ferito!

 

CAL CRUTCHLOW 8,5: Subito dopo aver firmato il rinnovo con la squadra francese, torna ad essere il pilota che ha conquistato le simpatie di molti appassionati. Efficace e veloce, guida bene in barba di chi ha detto che si è montato la testa, poichè pretende una moto ufficiale. Strano che lo stesso critico sia uno dei fedeli che hanno supplicato una sella ufficiale da dare a chi da due anni colleziona solo brutte figure. Il rider di Coventry non sarà un fenomeno, ma è un osso molto ma molto duro. Good!!!

 

ANDREA DOVIZIOSO 7,5: Questa volta l’italiano non rinnova l’appuntamento con il podio. Non credo che sulla sua prova abbia influito il passaggio alla Ducati, perché reputo il Dovi un professionista serio. Semplicemente questa volta il compagno di squadra è stato più bravo. Capita!

 

STEFAN BRADL 7,5: Il tedesco campione del mondo della Moto2 continua a stupire a suon di ottime prestazioni. Alcuni in lui vedono l’erede di Stoner, viste le somiglianze nell’aggredire le curve. Il pilota di Augsburg, prova dopo prova, come una formichina mette da parte l’esperienza necessaria per andare un domani forte con le belve della Motogp. Futuro leader!

 

ALVARO BAUTISTA 6,5: Anche a Brno il rappresentante del Team Gresini è autore di una prova opaca. Mai in bagarre per le posizioni che contano, mai un acuto, sempre più anonimo. Sveglia!

 

VALENTINO ROSSI 6: Le nuvolette d’olio che escono dalla sua Ducati sono l’emblema di quello che doveva essere il matrimonio del secolo. Tanto fumo ma poco arrosto. In prova lascia intravedere spunti interessanti in ottica gara. Allo spegnimento del semaforo, però, è vittima dell’olio che ha reso le pedane della sua moto scivolose. Sfortunato!

 

HONDA 10: La versione 2013 della Rc V 213 è una cannonata! La differenza con la rivale di Iwata è non tanto in termini di velocità di punta, ma in accelerazione. Veloce!

 

YAMAHA 9: La M1, a mio avviso, continua ad avere una ciclistica ed un comportamento più equilibrato rispetto alle altre. Il motore torna a pagare pegno, specie nelle prime fasi di apertura del gas. Coperta corta!

 

DUCATI 5: Cara Rossa, troverai un modo per riconquistare la vetta; dopo tutto domani è un altro giorno!

 

GIULIO RANGHERI 8,5: Interviene sempre con cognizione di causa. Delizia gli spettatori a suon di delucidazioni che testimoniano una grande professionalità unita ad una grande passione. Mitico!

 

GUIDO MEDA 8,5: La telecronaca delle ultime due tornate è stata all’altezza dello spettacolo offerto dai duellanti. Applausi per i piloti e per lui!

 

GLI STUPIDI, GLI INTELLIGENTI, I GENTILI ED I MENO GENTILI:

Per Nico Cereghini esistono ducatisti stupidi e ducatisti intelligenti. Suddivide le categorie di desmorider a seconda dei fischi fatti a Rossi in occasione del Wdw. Fischiavi? Stupido!

Non fischiavi? Intelligente!

Sempre in tema di tifoserie, Rossi in un’intervista ha sottolineato che i suoi beniamini con lui sono gentili, mentre i ducatisti di solito lo sono un pò meno.

Fischiare lo trovo puerile; reputo questo gesto non da appassionati ma da beceri.

Colgo l’occasione per chiedere a Cereghini e a Mister 9 volte cosa pensano dell’esultanza fatta da alcuni tifosi dopo la caduta di Stoner nella prova di Misano del 2008. Questo è il link del video che testimonia quanto accaduto: http://www.youtube.com/watch?v=JVEfB9LilBQ

Per me sono dei trogloditi. Attendo fiducioso il loro parere!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©