Sport / Motogp

Commenta Stampa

Lo spagnolo:"Non vado a Sepang per fare il turista"

MotoGP, Lorenzo non si arrende


MotoGP, Lorenzo non si arrende
23/10/2009, 21:10

SEPANG (Malesia) - Valentino Ross sembra essere ormai il dominatore assoluto del Motomondiale, ma Jorge Lorenzo mantiene fede alle promesse e non molla la presa.
Lo spagnolo della Yamaha è il protagonista delle prove libere del venerdì nella classe Motogp. A Rossi basterà arrivare quarto per aggiudicarsi il titolo perché la distanza dal secondo è di 38 punti, eppure Lorenzo c'e', fa registrare il miglior tempo (2'02"180) e mette in fila Casey Stoner, Dani Pedrosa e appunto Rossi. I "magnifici quattro" sono tutti lì, in fila, tutti sotto la barriera dei 2'03". Davanti a tutti Lorenzo, determinato a non dare vita facile a Rossi, che già "vede" il nono titolo complessivo della sua straordinaria carriera, il settimo nella classe regina. Soddisfatto a metà il centauro di Tavullia: "Abbiamo lavorato con le vecchie gomme, penso che domani possiamo fare un passo in avanti - spiega Rossi -. Sembra che la Bridgestone abbia portato delle ottime gomme, stanno lavorando molto bene nonostante le alte temperature. Ma dobbiamo crescere ancora". Rossi guarda già a domenica: "La corsa sarà molto dura, dovremo prepararla attentamente e bere tanto, perché fa tanto tanto caldo". Il Mondiale è praticamente un miraggio, ma Lorenzo non ci pensa.
"Mi sono trovato subito bene in moto e sono molto felice, specie dopo quanto è successo la settimana scorsa". Il caldo potrebbe essere un fattore importante: "E' dura guidare in queste condizioni ma va bene così. Amo guidare in questo tracciato. Sono fiducioso". Sarà quindi lotta aperta almeno per la pole, con Stoner e Pedrosa che hanno dimostrato di essere in buone condizioni.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©