Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Motomercato: Polita in WSS con Suzuki, Lanzi in WSBK con DFX?


Motomercato: Polita in WSS con Suzuki, Lanzi in WSBK con DFX?
21/04/2009, 20:04

Due ragazzi dal grande talento, due piloti italiani accomunati da un insolito destino. La crisi economica, le scelte delle rispettive scuderie, lo stop forzato ai “box”. Un periodo nero che sembra essere finalmente giunto al termine per Lorenzo Lanzi e Alex Polita.

Il centauro marchigiano, iscritto al CIV Superstock nella scuderia diretta dal padre, tornerà a gareggiare sui più famosi tracciati internazionali partecipando al campionato mondiale Supersport.

Alex (dopo l’esperienza del 2003) salirà in sella ad una Suzuki GSX-R preparata dal team olandese Hoegee ed andrà a sostituire l’australiano Shaun Geronimi. Buone nuove anche per Lanzi.

 

Il pilota di San Piero in Bagno avrebbe sciolto l’accordo che lo legava a Stefano Caracchi per la disputa il Campionato Italiano Velocità classe Superbike, per prendere in considerazione una seria opportunità proveniente dal mondiale delle derivate (si parla del Team DFX).

“La partenza di Lorenzo sconvolge un po’ i nostri programmi 2009, ma l’offerta che ha ricevuto era troppo allettante e non ce la siamo sentiti, per l’amicizia ed il rispetto reciproco che ci lega, di negargli questa possibilità che la sua bravura merita ampiamente.”
- dichiara Caracchi.

“Siamo stati costretti così a rinunciare alla gara di Misano, ma speriamo di essere al via della gara di Monza. Per adesso possiamo solo augurare a Lorenzo Lanzi tutti i successi che la sua classe ed il suo talento meritano in questa nuova sfida.”

La replica di Lorenzo: “Stefano si è dimostrato ancora una volta un grande amico, con un cuore enorme; è stato un pilota di alto livello anche lui e sa quale tempesta ti si scatena nel cuore in queste circostanze. Sono ovviamente contento di rientrare nell’ambiente del Mondiale Superbike e spero che il grande sacrificio che il Team KTM – SC P&P ha fatto per me possa essere ricompensato”

Commenta Stampa
di Fabrizio Pirone
Riproduzione riservata ©