Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TATTICA

Napoli - Inter, la partita alla lavagna


Napoli - Inter, la partita alla lavagna
14/05/2011, 15:05

Senza Cavani e Mascara, il Napoli si gioca un pezzo di grosso di stagione nell'ultima sfida casalinga del campionato contro l'Inter. Un punto garantirebbe ad entrambe le formazioni il raggiungimento dei propri obiettivi: Champions diretta per gli uomini di Mazzarri, secondo posto matematico per quelli di Leonardo. Per le due squadre, il fatto di giocare in posticipo, potrebbe essere un vantaggio visto che in caso di mancata vittoria dell'Udinese contro il Chievo il Napoli sarebbe già sicuro di essere tra le prime tre della serie A.
Molti i dubbi e le assenze in entrambe le formazioni. Leonardo metterà i suoi in campo con il 4-4-2, con Materazzi che prende il posto di Lucio in difesa, Zanetti e Nagatomo sulle corsie e Pazzini ed Eto'o davanti. Sarà dura quindi per Dossena e Maggio che dovranno fare molta fatica contro due avversari abili sia in fase offensiva che di copertura. Zuniga e Hamsik dovranno aiutare molto i due esterni azzurri che potrebbero essere presi in mezzo alle sovrapposizioni di Maicon e Chivu. Massima attenzione servirà davanti con un Pazzini in gran forma e sempre temibile quando gli arrivano dei cross dalle corsie e ad Eto'o veloce e molto abile nell'uno contro uno. I centrocampisti azzurri dovranno anche essere pronti a coprire in caso di inserimenti centrali di Thiago Motta o Cambiasso.
Il Napoli, con Lavezzi prima punta e Zuniga e Hamsik alle sue spalle, cercherà soprattutto il gioco palla a terra e gli inserimenti centrali
visto l'attacco molto leggero in confronto ai difensori nerazzurri. Gli azzurri quasi sicuramente rischieranno molto poco visto che basterebbe il pareggio per assicurarsi il terzo posto. Ci si aspetta una partita molto chiusa e dai ritimi bassi, idea però che potrebbe essere smentita in caso di mancata vittoria dell'Udinese che porterebbe il Napoli a giocarsi la partita a viso aperto vista la certezza di non avere niente da perdere.

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©