Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TATTICA

Napoli - Lazio, la partita alla lavagna


Napoli - Lazio, la partita alla lavagna
19/11/2011, 05:11

Arriva al San Paolo con qualche problema di formazione la Lazio dell'ex Edy Reja, mancheranno infatti Klose e Dias, ma la squadra che l'ex allenatore azzurro metterà in campo contro il Napoli resta comunque una formazione temibile.
Reja schiererà i suoi con un 4-2-3-1, con Hernanes, Sculli e Lulic alle spalle dell'unica punta Cissè. Coppia di centrocampo Brocchi - Ledesma, anche se è molto probabile l'inserimento di Matuzalem in mezzo al campo oppure nel trio di fantasia in attacco. Nella scorsa stagione i biancocelesti misero in grandissima difficoltà gli azzurri in entrambe le sfide grazie ai movimenti tra le linee di Mauri. Stessa cosa potrebbe accadere questa volta, nessuno degli avanti laziali infatti ama agire da centravanti puro, tutti e quattro spesso si muovono tra le linee per favorire gli inserimenti dei altri compagni. Attenzione questa volta ad Hernanes, il brasiliano, di certo il tecnicamente dotato tra i suoi compagni, è molto abile nel saltare l'uomo e nel creare così la superiorità numerica. Stesso discorso per Sculli, l'ex genoano ha spesso fatto male agli azzurri grazie alla sua abilità negli inserimenti. Ai tre di difesa servirà grande aiuto dagli esterni e dai due di centrocampo per evitare di ritrovarsi in inferiorità numerica o di essere presi di infilata. Anche in mezzo al campo, in fase passiva, i tre tenori azzurri dovranno ripiegare per non concedere la superiorità numerica agli uomini di Reja.
Quasi tutti a disposizione invece per Mazzarri, tra i convocati infatti c'è anche Gargano
al ritorno dopo l'infortunio contro il Cagliari. Maggio e Dossena sulle corsie (l'ex Liverpool dovrà però vedersela con Konko) ed Hamsik, Cavani e Lavezzi, con le loro accellerazioni potrebbero mettere in grandissima difficoltà una difesa molto rimaneggiata vista l'assenza anche di Biava oltre che del già citato Dias. Il punto debole è di certo Stankevicius, se dovesse giocare nel mezzo l'ex della Sampdoria potrebbe soffire molto in un ruolo non suo.
La Lazio è in un ottimo periodo, ma se il Napoli gioca con l'intensità e la velocità che lo contraddistingue da quando è arrivato Mazzarri gli azzurri dovrebbe far loro la partita anche grazie alla spinta del pubblico del San Paolo.

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©