Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Champions League

Napoli aspetta il Borussia. In Germania ci temono


Napoli aspetta il Borussia. In Germania ci temono
16/09/2013, 11:05

Missione Atalanta compiuta. Non si può dire che sia stato semplice ma alla fine gli uomini di Benitez sono riusciti a spuntarla. Su tutti Hamisk e Callejon, subentrati nel secondo tempo al posto di Pandev e Mertens fino a quel momento inconsistenti. Lo slovacco e lo spagnolo si confermano ancora una volta i giocatori più decisivi di questo inizio di stagione partenopeo. In due hanno segnato 7 gol in 3 partite ma non sono state tanto le reti segnate a fare la differenza (certo, quello contano) ma ciò che è fondamentale è il cambiamento di approccio psicologico scaturito dal loro ingresso in campo, necessario per vincere il match.

L'analisi - Un’Atalanta chiusa praticamente nella propria area di rigore si poteva battere soltanto con un episodio, con una giocata da campione o con una giocata avvolgente come quelle a cui ci sta abituando il Napoli di Benitez. Una squadra con molto più fosforo e ragionamento di quella dell’anno scorso, tutta contropiedi e palle lunghe che senz’altro avrebbe fatto fatica contro avversari rintanati nella propria tre quarti. Gli azzurri avvolgono il nemico e poi lo colpiscono. Questo ovviamente non esclude le giocate dei campioni: vedi il passaggio al veleno di Insigne per Hamisk che poi porterà all’1-0 oppure il tacco di Dzemaili per il raddoppio di Callejon. 

Cenerentola - Ora viene il bello però. Mercoledì ci aspetta la Champions e il Borussia Dortmund che, a differenza degli azzurri non ha operato alcun tipo di turnover per la sfida in Bundesliga contro il modesto Amburgo, asfaltato per 6-2. Jürgen Klopp manda tutti nella mischia, vince, è primo in campionato ma ne paga le conseguenze: il difensore Subotic e il centrocampista Bender sono in dubbio per la sfida di mercoledì. Chi ci sarà invece è Robert Lewandowski, autore di una doppietta contro l’Amburgo, che è un po’ lo spauracchio da superare per gli azzurri. Anche i nostri avversari però ci temono: nessuno voleva incontrarci nel girone. Tantomeno il Borussia vice campione d’Europa. Il Napoli è la Cenerentola di questa edizione della Champions League ma una Cenerentola che al momento giusto sa tirare fuori le unghie e dare ai propri avversari un motivo per cui temerla. Klopp è avvisato!

Commenta Stampa
di Luca G. Zanini
Riproduzione riservata ©

Correlati