Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA MISSIONE EUROPEA

Napoli, c'è un sottomarino da affondare


Napoli, c'è un sottomarino da affondare
17/02/2011, 10:02

 Il giorno tanto atteso, alla fine, è giunto. Stasera il Napoli affronterà uno degli impegni più duri degli ultimi anni: al San Paolo arriva il Villarreal.
Una sfida che rappresenta il frutto di un lavoro già importante, culminato in quel gol in extremis che Cavani segnò alla Steaua Bucarest, che ha consentito agli azzurri di proseguire il cammino europeo.
Era dicembre, la truppa di Mazzarri ottenne la qualificazione solo all’ultimo respiro. Due mesi dopo, cioè oggi, il Napoli è ancora più forte e sicuro dei propri mezzi. Il cammino in campionato, infatti, non ha risentito del freddo inverno e alla rosa sono stati aggiunti alcuni elementi, capaci di far rifiatare i cosiddetti “titolarissimi”.
Gli azzurri, insomma, si sono attrezzati per provare ad andare avanti in Europa League. L’avversario che il sorteggio ha proposto al club di De Laurentiis, però, è di quelli ostici. Su questa gara si fantastica da mesi, ma tra poche ore la realtà si prenderà di diritto quello spazio finora lasciato all’immaginazione dei tifosi.
Nilmar e Rossi, innanzitutto. Due attaccanti fortissimi, rapidi e dalle grandi qualità tecniche. Due giocatori che il Napoli non può non temere. Bisognerà fare grande attenzione, anche perché i gol in trasferta contano tantissimo e gli azzurri dovranno assolutamente evitare di concedere occasioni agli avversari.
Ma il Villarreal non è composto solo dal tandem d’attacco, anche il resto della squadra è di una certa caratura. Il Napoli lo sa e Mazzarri avrà senza dubbio messo in guardia i suoi “soldatini”.
I “sottomarini gialli” li chiamano. Attaccheranno, dunque. Lo faranno in superficie, sul terreno di gioco, davanti a tutti. Ma potrebbero farlo anche per “vie subacquee” , attaccando di soppiatto, nella speranza di non essere visti.
Il generale Mazzarri lo sa ed è pronto a fronteggiarne le offensive. Sul campo e “sott’acqua”, nella speranza di affondare il sottomarino rivale…

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©