Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Domanica si va a Livorno

Napoli, che numeri in trasferta


Napoli, che numeri in trasferta
20/01/2010, 10:01

NAPOLI - Napoli alle prese con la preparazione della sfida con il Livorno. Quest’oggi si ricomincia e la voglia di restare ancora imbattuti in campionato è tanta.
Gli azzurri sperano di poter sfruttare al meglio il gioco in trasferta mostrato fino ad oggi. Ottimo il Napoli visto lontano dal San Paolo, meno quello visto a Fuorigrotta, ma questo è un problema sul quale il tecnico si concentrerà dopo la partita in Toscana.
Oltre che sul fattore campo (al contrario) ci sono numeri da capogiro e record che la squadra sta macinando.
La difesa non subisce gol da quattro partite, le ultime reti incassate sono quelle di Cagliari. Poi sono passate squadre come Chievo, Atalanta, Sampdoria e Palermo e in tutte queste sfide la porta di De Sanctis è rimasta inviolata.
Ci ha provato Orsato a infrangere questa imbattibilità, ma il numero 26 azzurro ha detto no al rigore battuto di Miccoli chiudendo definitivamente la saracinesca che protegge la porta partenopea.
Questa è la seconda buona notizia, De Sanctis è diventato definitivamente quel portiere che tutti si aspettavano fosse: un guardiano sicuro che aiuta anche la retroguardia e i risultati si vedono.
Un’altra ottima notizia si chiama Gianluca Grava e qui si torna sul discorso difesa. Per quanto concerne gli aspetti negativi c’è un gioco al San paolo che non brilla, paradossalmente meglio lontano da casa e su questo si deve lavorare.
E’ un Napoli praticamente implacabile in trasferta, con vittoria importanti come quelle di Firenze e Torino con una vittoria sulla Juve che non arrivava da 21 anni.
Questo è un aspetto che si potrebbe rivelare molto utile nella prossima sfida visto che si va a Livorno.
Sono sei fino ad ora le partite disputate lontano dal San Paolo con mister Mazzarri, due la media punti e tre i mesi di imbattibilità in esterna: l’ultima sconfitta risale a quella con la Roma del 4 ottobre.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©