Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Obiettivo raggiunto, ma resta l'amaro in bocca

Napoli e il secondo posto: un bel film già visto


Napoli e il secondo posto: un bel film già visto
09/05/2013, 12:41

Il Napoliha espugnato Bologna con un sonoro 3a0 ed ha raggiunto matematicamente il suo obiettivo stagionale:la Champions League.

 La squadra di Walter Mazzarri ha festeggiato al dall’Ara il secondo posto senza soffrire molto nonostante il primo tempo non proprio esaltante disputato dall’undici azzurro. Il risultato di ieri ha messo in evidenza, oltre alla superiorità del Napoli rispetto a tutte le squadre del campionato, l’eccellenza dei giocatori in organico e la sorpresa di altri giunti alle falde del Vesuvio come gregari e che, invece, si sono dimostrati più valorosi di tanti sedicenti top player.

Nota di merito va sicuramente ai traghettatori della squadra azzurra in questa stagione strepitosa: Marek Hamsik ed Edinson Cavani. Il giocatore ceco tutto casa, stadio e chiesa ha dato il meglio di se dopo la partenza di Lavezzi, organizzando il gioco delNapoli ecreando quell’ordine tattico che con il giocatore argentino non c’era.  

Il Matador, invece, sulla via della perdizione evangelica è stata la punta più prolifica del campionato, segnando goal a raffica e conquistando meritatamente il titolo di capocannoniere della Serie A.

Il Macron Match del dall’Ara ha messo sicuramente nella condizione di trattare anche Walter Mazzarri. Il fortunatissimo mister che ha già messo le mani avanti sul mancato raggiungimento dello scudetto, ha invitato elegantemente il presidente De Laurentiis a “cacciare i soldi” per la prossima stagione con il fine di comprare giocatori forti. Ma Mazzarri non fa mai i nomi, non dice mai pubblicamente quali sono le sue esigenze e forse non ammentte che quest’anno si è adagiato al suo obiettivo stagionale che non toglie e non aggiunge niente alla tifoseria azzurra. La qualificazione in Champions lascia comunque l’amaro in bocca visto che anche quest’anno ad inizio stagione lo scudetto era nell’aria e lo stesso Mazzarri aveva dichiarato percorribile la strada al primato.

Comunque dal punto di vista delle aspettative di “piazza” il Napoli deve necessariamente ambire per la prossima stagione a ricoprire ruoli di primissimo piano e, perché no, provare la scalata decisiva per l’ottenimento del terzo tricolore nella sua storia. Ma questo lo si può fare confermando Cavani, dato in partenza, e aggiungendo giocatori di primissimo piano soprattutto nelle retrovie, compreso il portiere. Forse con un pizzico di iniziativa imprenditoriale ed una tattica camaleontica, quest’anno lo scudetto poteva essere possibile dato che qualche stagione non troppo lontana dell’era de Laurentiis il film visto era lo stesso: posso, ma non ci credo, oppure, non voglio.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©