Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE LA GAZZETTA

Napoli e Juve: i percorsi di due grandi squadre


Napoli e Juve: i percorsi di due grandi squadre
01/04/2012, 12:04

La prima volta non si scorda mai, specie quando di mezzo ci sono Juventus e Napoli. Per informazioni chiedere a Paolo Cannavaro, che nel primo match dell’era De Laurentiis contro i bianconeri si trasformò in Carlo Parola (ex libero storico proprio della Juventus) e con un gol in rovesciata spedì le due contendenti ai rigori. Era solo Coppa Italia, ma il Napoli vinse e quel giorno, il 27 agosto del 2006, cominciò la scalata di azzurri e bianconeri verso le vette del nostro calcio.

Percorso - Già, perché Juve e Napoli hanno un percorso molto simile negli ultimi anni, visto che entrambe dal purgatorio della serie B sono tornate oggi ad essere tra le candidate per lo scudetto e la zona Champions. Di prime volte tra Juventus e Napoli ce ne sono altre da ricordare: quella che andrà in scena stasera, infatti, è stata anche la prima partita giocata nei campionati a girone unico, stagione ’29-30. Finì 3-2 per i bianconeri, mentre gli azzurri si aggiudicarono per 2-1 la partita in cui venne inaugurato lo stadio San Paolo il 6 dicembre 1959. Suggestioni che ritornano, visto che oggi il Napoli proverà a far cadere per la prima volta in stagione la Vecchia Signora. Del resto, i precedenti sono incoraggianti: nella gestione De Laurentiis il bilancio recita così: 6 vittorie del Napoli, 4 della Juve ed altrettanti pareggi. Gli ultimi ricchi di gol (2-2 lo scorso anno a Torino, 3-3 in questa stagione a Fuorigrotta). Oggi, però, il pari non servirebbe ad avvicinare le due contendenti ai rispettivi obiettivi.

Serie utile - Allo Juventus Stadium (vecchio Delle Alpi) la Juve non perde da 36 partite (esattamente dal 20 aprile del 2005, 0-1 contro l’Inter. Gol vittoria di Cruz). Occhio, però, perché Walter Mazzarri è imbattuto contro i bianconeri dal 2006 e da quando guida il Napoli ha ottenuto 3 vittorie e 2 pareggi al cospetto della Vecchia Signora. Se la squadra azzurra stasera riuscirà a non perdere, eguaglierà la striscia record di 6 partite consecutive senza sconfitte contro la Juve che risale al biennio ’85-87. A proposito di prime volte, quella di Mazzarri con il Napoli a Torino resta indimenticabile: 2-3 il 31 ottobre 2009 con doppietta di Marek Hamsik. Lo slovacco ha nella Juve una delle sue vittime preferite, insieme a Roma e Palermo, visto che ai bianconeri ha già segnato
5 reti. Altrettanti ne ha realizzati invece Matri al Napoli e dunque Cannavaro e compagni sanno bene quale sarà il pericolo numero uno. Attenzione, però, anche al grande ex Fabio Quagliarella: il Napoli è l’unica squadra che non ha mai battuto fra quelle dell’attuale serie A. Gli scongiuri sono d’obbligo.

FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT
 

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©