Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL ROMA

Napoli, ecco il cammino per arrivare in Champions


Napoli, ecco il cammino per arrivare in Champions
04/04/2012, 16:04

Un po’ di conti bisogna farli. A otto giornate dal termine tracciare un cammino per capire se ci sono le premesse per agguantare il terzo posto è d’uopo. Gli allenatori di solito sono allergici a fare le tabelle, proprio non ce la fanno a studiare i punti da conquistare per raggiungere determinati obiettivi. Sì perché appena viene meno un risultato si rischia di far fallire tutto il progetto. Walter Mazzarri è uno che guarda sempre in casa sua. Il Napoli deve pensare solo a vincere per poter poi approfittare degli eventuali stop delle dirette concorrenti. Il problema è che da tre turni non si riesce ad incassare l’intera posta in palio. L’ultimo successo risale al 6-3 con il Cagliari, poi nulla più. Contro Udinese, Catania e Juventus sono stati racimolati solo due miseri punti che hanno fatto perdere di vista la zona Champions. Fortunatamente anche Lazio e Udinese hanno frenato e quindi l’ultimo gradino del podio è rimasto alla portata. Da sabato prossimo, però, si deve cominciare di nuovo a conquistare successi. Se si dovesse battere la Lazio si farebbe un salto in avanti non indifferente. Prima di tutto si agguanterebbe la formazione di Reja a quota 51 in classifica e poi ci si caricherebbe in vista delle tre partite abbordabili contro Atalanta, Lecce e Novara. La prima e la terza si disputeranno al San Paolo. Al Napoli servirebbe arrivare a 66 punti per festeggiare nuovamente la Champions League. L’anno passato il terzo posto gli diede la possibilità di accedere direttamente alla fase a gironi, stavolta dovrebbe giocare i preliminari. Poco importa poiché con l’esperienza acquisita non dovrebbe avere problemi a superare il turno. Nella scorsa stagione negli ultimi otto incontri incassò quattordici punti ma approfittò del crollo di altre pretedenti. Nel torneo attuale qualcuno sta mollando ma purtroppo la squadra di Mazzarri non è riuscita ad approfittarne. Ecco, quindi, che con diciotto punti sui ventiquattro ancora a disposizione si potrebbe portare a compimento l’impresa. Sì perché d’impresa trattasi per come stavano le cose subito dopo il ko in casa del Genoa. Da quel momento in poi si cominciò a carburare pareggiando con Cesena e Milan e vincendo la bellezza di cinque match consecutivi. Un rush incredibile che servirebbe anche adesso per far sorridere i tifosi napoletani. Il calendario del Napoli non sembra così impossibile. Sarà importante, però, non perdere sabato prossimo contro la Lazio. Un pareggio potrebbe essere utile per non staccarsi troppo dai capitolini. Si resterebbe a tre punti di distanza che potrebbero essere facilmente recuperati nel prosieguo del torneo. Sì perché i capitolini poi sarebbero attesi da due trasferte consecutive, la prima a Torino con la Juve, la seconda a Novara. Lavezzi e compagni, invece, se la vedrebbero con l’Atalanta al San Paolo e con il Lecce fuori casa. Dovessero incassare le due poste in palio le cose si metterebbero davvero bene. Fortunatamente quando ci sarà il secondo viaggio capitolino con la Roma, gli uomini di Reja andranno a fare visita all’Udinese. Sarà uno scontro diretto fondamentale e un pari potrebbe essere il miglior risultato da augurarsi. Volendo fare una vera e propria tabella allora si potrebbe cominciare conquistando un punto con la Lazio. Poi si dovrebbe per forza di cose battere si Atalanta che Novara a Fuorigrotta e magari pareggiare a Lecce. Poi si potrebbe avere anche un passo falso contro i giallorossi di Luis Enrique. A patto di inanellare un filotto di successi contro il Palermo, il Bologna e il Siena. I punti in verità sarebbero diciassette anziché diciotto ma sicuramente la quota terzo posto nel corso del finale del torneo si abbasserà ancora di più. Inutile dire che sono tutte congetture, quando si va in campo ogni partita fa storia a sè. Il Napoli, però, se vuole ancora essere protagonista non può arrendersi e cullarsi sugli allori della finale di Coppa Italia e sulla conquista già blindata dell’Europa League. Deve darsi una mossa e riprendere da dove aveva finito prima di andare allo Stamford Bridge.

FONTE: IL ROMA

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©