Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Napoli, ecco la t-shirt che celebra l'Europa


Napoli, ecco la t-shirt che celebra l'Europa
26/05/2010, 20:05

"Grazie anche a te siamo in Europa", questo sarà lo slogan stampato sulle t-shirt celebrative messe in vendita da venerdì nei migliori negozi sportivi partenopei. Si tratta della stessa frase che c'era sulle bandierine regalate al San Paolo nel match con l'Atalanta per celebrarela qualificazione in Europa League conquistata quest'anno dal Napoli. Si tratta di una scelta di marketing davvero interessante, già utilizzata per la promozione in serie A di 3 anni fa. Ma se all'epoca fu lo sponsor tecnico, la Diadora, a produrle e metterle in commercio, stavolta invece sarà la società azzurra a griffarle e a gestirne la distribuzione. Il merchandising, d'altronde, se ben sfruttato può portare ingenti introiti nelle casse societarie. 
Lo sanno bene in Inghilterra, Spagna e Germania dove la vendita di oggettistica dedicata alle squadre di calcio rappresenta una fetta importante dei bilanci di tutte le grandi società. In Italia siamo ancora dietro anni luce, ma qualcosa sembra muoversi soprattutto all'ombra del Vesuvio. Le magliette celebrative saranno infatti solo il primo passo nella direzione di un marchandising più aggressivo e diretto a soddisfare le richieste dei tanti appassionati partenopei, che spesso e volentieri in passato erano costretti a rivolgersi al mercato dei falsi per acquistare prodotti del Napoli.
Il passo più importante potrebbe essere compiuto nel giugno 2011, quando scadrà il contratto con lo sponsor tecnico Macron. E' molto probabile infatti che il club azzurro decida di fare a meno della fornitura tecnica di un'azienda
d'abbigliamento sportivo per produrre in proprio l'intero set tecnico. Se così fosse, a beneficiarne sarebbero anche gli stessi tifosi: bypassando lo sponsor tecnico ed abbattendo quindi i costi di filiera, infatti il Napoli potrebbe proporre i suoi prodotti sul mercato ad un prezzo nettamente inferiore di quello attuale.

 

Commenta Stampa
di Lucrezia Coppola
Riproduzione riservata ©