Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

TURNO NAZIONALE

Napoli fa bene al Mondo!


Napoli fa bene al Mondo!
08/10/2011, 10:10

Il miglior calcio che si vede in Italia. Anche questo è il Napoli. Ed il merito è tutto di un gruppo vincente che ha saputo far tesoro dei propri difetti, crescendo insieme. Da Hamsik a Zuniga; da Cavani a Gargano; fino ad arrivare alle new entry Inler, Dzemaili e Fernandez. Sono loro oggi il Napoli nel Mondo, e rappresentano, nella maggior parte dei casi, il punto di forza della propria Nazionale.

SUDAMERICA - La più grande colonia è sudamericana. Sul duo uruguagio c'è poco da obiettare. Cavani è ormai un punto di riferimento della nazionale campione della Coppa America la scorsa estate. Anche nella gara di ieri, contro la Bolivia, El Matador ha messo il suo zampino. Della sua stessa maglia si fregia anche Walter Gargano, che dopo il posto in azzurro ha recuperato anche il posto in Celeste. Merito suo, e di quella grinta che sembra finalmente riconquistata a pieno. E se Fernandez non è ancora un pupillo della nazionale Argentina (ma la Seleccion è piena di grandi stelle, e lo spazio è ridotto all'osso) in Colombia, invece, si stropicciano gli occhi alla vista di Juan Camillo Zuniga. Poco più che un pezzo del mosaico, il colombiano è diventato un pilastro della nazionale gialloblu grazie alle brillanti prestazioni sfoderate con il Napoli in Italia ed in Europa.

EUROPA - Per un turno, quello di ieri sera, ha sorriso poco l'azzurro-europeo. Mettendo da parte gli italiani Maggio e De Sanctis, chi ha viaggiato nel vecchio continente con la propria nazionale non ne è uscito bene. gokhan Inler ha perso per 2-0 in Galles. La slovacchi di Hamsik si è ancora una volta arresa nel suo girone, dicendo quasi addio ai sogni di qualificazione. Ma, oltre i risultati, Hamsik ed Inler sono stati ancora una volta volto e anima della propria Nazionale. A loro le "chiavi" di Svizzera e Slovacchia. A loro gli applausi del pubblico europeo, dopo quelli dei napoletani.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©