Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'editoriale di Varriale

Napoli grande senza il pocho partente


Napoli grande senza il pocho partente
09/01/2012, 12:01

Lavezzi è pronto con la cartella in mano. Il fantasista napoletano vive tempi duri. Dopo il solito infortunio che ricorre puntuale durante ogni vacanza di Natale, il buon pocho ha capito che l'unica direzione verso la quale il suo futuro vira é quella di un altro club. Lavezzi è un bel personaggio, che ha fatto la differenza in questo scorcio di campionato, ma è anche vero che ha sacrificato con il suo gioco eccentrico fatto di sprint e di individualità gli schemi del Napoli ed il primo risultato del 2012 e l'ultimo del 2011 hanno dato ragione a Mazzarri che ha avuto il piacere di giocare senza il pistolero ufficiale della rosa di De Laurentiis totalizzando ben 9 goal in due partite.Sia la gara con il Genoa che quella con il Palermo sembravano due amichevoli, ma è anche vero che un Napoli così fluido negli schemi e cosi prolifico li davanti non si era mai visto. Inutile dire che non bisogna essere irriconoscenti verso il prodigio del calcio Napoli ma, seppur sia stato sempre molto critico con Hamsik, devo ammettere che il pugno argentino manca nel suo variopinto repertorio calcistico dell'abc del calcio. Il pocho pare si sia convinto a restare nonostante le pressioni della sua fidanzata Yanina all'indomani del furto subito dalla sedicente modella argentina, sulla passerella grazie al pocho, in quella Napoli che ha dichiarato amore eterno ad un idraulico scopertosi calciatore professionista in tarda età . Prima di giudicare il buon Lavezzi, criticabile per il suo comportamento a volte poco professionale seppur in Iinea con la sua età, la squadra del gioco,vista ieri, e non dell'estro, quella con Lavezzi, dovrà vincere contro una big per consacrarsi undici titolare di un Napoli che quest'anno è davvero forte ed ha il dovere di mirare alle alte vette. Hamsik aveva un doppio problema che gli è stato risolto: in attesa di un secondo figlio e di una Ferrari comprata, il buon giocatore ceco aveva bisogno di una boccata di ossigeno scandita dal premio champions e dal rinnovo del contratto. Da buon mercenario qual e' , Marechiaro si è prima garantito fondi freschi, poi ha fatto fuori il buon pocho ed ora si avvia incontrastato verso il suo sodalizio eterno con la squadra che gli ha dato fortuna dalla tenera età. Se non ci saranno problemi di stipendio, Hamsik tornerà ad essere il giocatore che anni fa si è meritato la maglia azzurra nonostante fosse un bebè del calcio, ma adesso per lui la strada sembra in discesa, mentre per il pocho è solo ed esclusivamente in partenza: Vargas é chiaramente il suo sostituto

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©